Deodoranti e tumore al seno? Non ci sono prove di un legame

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/08/2019 Aggiornato il 16/08/2019

A oggi nessuna evidenza scientifica collega l’uso del deodorante a un maggior rischio di tumore al seno

Deodoranti e tumore al seno? Non ci sono prove di un legame

La notizia che usare i deodoranti può aumentare la probabilità di sviluppare un cancro al seno circola in Rete da un po’ e trova ampio spazio ora che fa un caldo. Di volta in volta, la colpa viene data all’alluminio o ai parabeni contenuti in questi prodotti  cui viene associato un effetto cancerogeno. Ma sarà vero? Le cose non stanno proprio così, visto che non esistono dati scientifici a supporto della relazione tra utilizzo di deodoranti e tumore al seno.

I composti di alluminio

 Le ipotesi che hanno contribuito alla diffusione del legame tra deodoranti e tumore al seno sono diverse. In parte la responsabilità è attribuita ai composti di alluminio presenti nei deodoranti per la loro capacità di bloccare le ghiandole sudoripare e di limitare la riproduzione batterica e gli odori che da questa derivano. Si era, infatti, ipotizzato che questi composti potessero, una volta assorbiti attraverso la pelle, modificare i recettori per gli estrogeni, ormoni sessuali la cui concentrazione influisce sullo sviluppo dei tumori del seno nel tessuto mammario, aumentando quindi il rischio di ammalarsi.

Escluso dall’Airc

Attualmente, tuttavia, non esistono prove che dimostrino che l’alluminio contenuto nei deodoranti possa raggiungere le ghiandole mammarie in quantità significative. Lo si legge anche sulla pagina dedicata della Fondazione Airc per la ricerca sul cancro: la quantità di metallo che raggiunge la mammella attraverso il cibo è molto più elevata di quella che lo fa attraverso la cute. Di conseguenza gli esperti ritengono che non vi sia, allo stato attuale delle ricerche, alcun legame concreto tra alluminio nei deodoranti e tumore al seno.

Allerta parabeni

In altri casi la colpa viene data ai parabeni, sostanze chimiche con proprietà simili agli estrogeni usate come conservanti in diversi cosmetici e additivi alimentari. In questo caso, l’idea nasce da uno studio del 2004 che aveva provato la presenza di parabeni in 20 campioni di tessuto di tumore del seno, concludendo che queste sostanze avrebbero potuto avere un effetto cancerogeno. In sostanza, tuttavia, non esistono studi che dimostrino una relazione di causa-effetto tra l’assorbimento di parabeni attraverso la pelle e la probabilità di sviluppare un tumore del seno. In realtà non esistono studi che lo provino con certezza.

 

 
 
 

Da sapere!

La probabilità che un tumore del seno si sviluppi nel quadrante esterno superiore della mammella, e quindi in prossimità dell’ascella, è maggiore perché questa è l’area più estesa della ghiandola e contiene più tessuto e non per colpa dei deodoranti.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti