Diabete di tipo 2: per guarire basta perdere peso

Stefania Lupi
A cura di Stefania Lupi
Pubblicato il 28/11/2018 Aggiornato il 28/11/2018

Per guarire dal diabete di tipo 2 il segreto è dimagrire. In questo modo le cellule del pancreas che producono insulina riescono a funzionare regolarmente. Ma bisogna agire in fretta

Diabete di tipo 2: per guarire basta perdere peso

Il sovrappeso è sempre nemico della salute, ma lo è ancora di più se si soffre di diabete di tipo 2. La buona notizia? Riportare l’ago della bilancia entro valori normali aiuta a sconfiggerlo. La remissione, infatti, dipende dalla capacità delle cellule del pancreas che producono insulina di guarire e riprendere a funzionare normalmente.

Si può tornare indietro

Lo afferma una ricerca coordinata dal professor Roy Taylor dell’università di Newcastle, presentata a Berlino al congresso dell’Associazione europea per lo studio del diabete (Easd). Lo studio mette in discussione l’attuale certezza scientifica, secondo la quale questa funzione delle betacellule del pancreas è irreversibilmente persa in chi soffre di diabete di tipo 2. Invece ridurre il grasso attorno a fegato e pancreas sembra essere fondamentale per far sparire il diabete di tipo 2, ma la remissione si raggiunge solo se migliora la funzione delle cellule fabbrica-insulina in modo che queste possano far ripartire la produzione.

Alimentazione = cura

Un’indagine simile eseguita lo scorso anno su 298 persone con diabete di tipo 2 negli ultimi 6 mesi, aveva già dimostrato che una dieta ipocalorica seguita per 3-5 mesi, con la reintroduzione di cibo sano e un supporto a lungo termine per mantenere sotto controllo il peso, era stata in grado di “guarire” dal diabete quasi la metà dei partecipanti (46%) dopo un anno, contro appena 6 persone (4%) nel gruppo di controllo.

Importante il fattore tempo

Il gruppo di ricercatori inglesi però ha voluto approfondire questa scoperta cercando di scoprire come la perdita di peso può realmente far recedere il diabete e perché funziona per alcuni, ma non per tutti. Cosi gli studiosi hanno esaminato il contenuto di grasso nel fegato e nel pancreas e la funzionalità delle betacellule in un piccolo gruppo di partecipanti (58) al precedente studio: fra questi, 40 avevano ottenuto la remissione del diabete di tipo 2 in un anno di regime alimentare controllato. In questo periodo, entrambi i gruppi avevano perso pressoché lo stesso peso (16,2 Kg contro 13,4 Kg), con una riduzione simile del grasso nel fegato e nel pancreas e dei trigliceridi. Ma solo nei 40 guariti dal diabete si rilevava un miglioramento precoce e importante della funzione delle betacellule: dopo la perdita di peso hanno ricominciato a funzionare di nuovo, mentre lo stesso non si è verificato negli altri pazienti, che avevano il diabete da più tempo. In conclusione, più a lungo una persona convive col diabete, più è difficile recuperare la funzionalità delle cellule fabbrica-insulina.

 

 

 

Da sapere!

Dopo i 40 anni aumenta il rischio di diabete di tipo 2, quindi è consigliabile controllare una volta all’anno la glicemia. Tra i fattori di rischio ci sono il sovrappeso e l’obesità, la sedentarietà e la dieta ipercalorica e ricca in grassi di origine animale e colesterolo alto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Fai la tua domanda agli specialisti