Diabete giovanile raddoppiato in 10 anni

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 14/11/2019 Aggiornato il 14/11/2019

I dati parlano di una costante crescita di casi di diabete giovanile, associato a una più lunga esposizione alla malattia con rischio di complicanze croniche

Diabete giovanile raddoppiato in 10 anni

Il diabete giovanile è in forte aumento tra i ragazzi. L’allarme è stato lanciato dall’European Association for the Study of Diabetes  in occasione del 55° congresso tenutosi a Barcellona. La Sid (Società italiana di diabetologia) ha stimato che durante gli ultimi 10 anni il diabete giovanile sia raddoppiato e che vada a colpire maggiormente gli adolescenti e i giovani adulti, fino ad arrivare a circa 150.000 soggetti interessati.

Comune tra bambini e adolescenti

Il diabete giovanile è una delle malattie metaboliche più comune tra i bambini e gli adolescenti. La principale causa di diabete è rappresentata, sia per i giovani sia per gli adulti, dalla mancanza totale o parziale di insulina. I fattori che ne influenzano lo sviluppo sono soprattutto il sovrappeso e l’obesità nel periodo infantile e preadolescenziale, l’inattività fisica e la storia familiare. A provocarne l’insorgenza sarebbe la lunga esposizione alla patologia con complicanze micro e macro-vascolari, ma non solo. Secondo gli esperti il diabete giovanile pare abbia un fenotipo più aggressivo, con conseguenze negative sulla qualità della vita e a livello salutare.

La prevenzione prima di tutto

Non basta il controllo della glicemia ma è necessario proteggere le persone coinvolgendo non solo i medici, la famiglia, la scuola e le politiche sanitarie, ma anche l’industria alimentare. In questi ultimi 10 anni inoltre il trattamento farmacologico del diabete si è arricchito di ulteriori 3 farmaci innovativi capaci di ridurre, nelle persone affette da malattie cardiovascolari, il rischio di sviluppare eventi avversi. Purtroppo solo l’8% dei soggetti con diabete utilizza questi nuovi farmaci, mentre sono ancora troppe le persone diabetiche che trattano la malattia con terapie e farmaci obsoleti.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

I sintomi del diabete nei bambini sono forte appetito, sete eccessiva, necessità di urinare spesso e perdita di peso inspiegabile.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti