Fumo passivo e tumori orali: il legame è provato!

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 25/06/2021 Aggiornato il 25/06/2021

Una nuova ricerca mondiale dimostra come il fumo passivo possa provocare tumori orali come quelli alle labbra e al cavo orale, soprattutto se esposti da bambini e da molti anni

Fumo passivo e tumori orali: il legame è provato!

Negli ultimi anni, la sensibilità, le accortezze e soprattutto le leggi di molti Paesi in tema di fumo nei luoghi pubblici e chiusi hanno ridotto, e di molto, l’esposizione al fumo passivo per i non fumatori. E questo è importante perché, come dimostrato, il fumo passivo incide notevolmente sulla salute, esponendo al rischio di andare incontro a tumori orali, con un’incidenza maggiore del 51% rispetto a chi non fuma o non condivide ambienti con un tabagista.

Tumori orali, un problema per mezzo milione di persone

Ogni anno, a livello mondiale si registrano quasi mezzo milione di nuovi casi di tumori orali (tra labbra, cavità orale e orofaringe), con circa 230mila decessi. Analizzando i dati, una ricerca internazionale pubblicata sul Journal Tobacco Control rivela come i soggetti esposti a fumo passivo corrano un rischio maggiore di contrarre questo tipo di neoplasie rispetto a chi non fuma e a chi non ha in casa un fumatore.

Bambini sotto attacco

Scendendo nel dettaglio e prendendo in considerazione i dati riguardanti 192 Paesi, i ricercatori hanno scoperto come, a livello globale, il fumo passivo interessi nel 33% dei casi gli uomini, nel 35% le donne. La percentuale più alta riguarda i bambini, che rappresentano il 40% dei soggetti costretti a subire il fumo degli adulti.

L’incidenza del fumo passivo

I ricercatori hanno, inoltre, messo sotto la lente d’ingrandimento anche un dato importante come il periodo di esposizione al fumo passivo. Per farlo, sono stati analizzati i risultati di ben cinque studi pregressi, per un campione totale composto da circa settemila soggetti. Questa analisi ha rivelato come nei soggetti costretti a fumo passivo per un periodo superiore ai dieci anni, la percentuale di rischio di incorrere in tumori orali sia superiore al 51%. Anche per questo vanno protetti i bambini, che potrebbero risultare esposti per molti anni nella loro vita.

Servono sempre maggiori accortezze

Lo scopo della ricerca era quello di sensibilizzare ancora una volta i soggetti e gli organi decisionali che si occupano di gestire la legislazione e le politiche di controllo in tema di tabagismo e fumo passivo. Tra questi, viene citata la Convenzione quadro per il controllo del tabacco (FCTC – Framework convention on tobacco control), ovvero, il primo trattato internazionale per la tutela della salute pubblica che riconosce i danni provocati dai prodotti del tabacco e dalle aziende che li fabbricano.

 

 
 
 

Da sapere!

I ricercatori hanno visto come, oltre al fumo passivo, tra le cause di tumori orali ci siano anche il tabacco senza combustione e stili di vita non sani, come il consumo di alcool.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti