Glaucoma: un italiano su 2 non sa di averlo

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 06/03/2019 Aggiornato il 07/03/2019

Torna dal 10 al 16 marzo la Settimana Mondiale del Glaucoma, giunta all’11ª edizione. Tante iniziative e visite gratuite per sensibilizzare l'attenzione verso un serio problema degli occhi spesso ignorato

Glaucoma: un italiano su 2 non sa di averlo

Il glaucoma è una malattia degli occhi che colpisce il nervo ottico, danneggiando gravemente la vista fino a causare la cecità e aumenta il numero di incidenti stradali e cadute. Interessa un milione di italiani, eppure 1 nostro concittadino su 2 non sa di averlo. Per sensibilizzare l’attenzione su questa grave malattia degli occhi torna la Settimana Mondiale del Glaucoma dal 10 al 16 marzo, promossa dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI) e la Società Italiana Glaucoma (SIGLA). In tutta Italia saranno offerte migliaia di visite gratuite per chi non è mai stato dall’oculista.

Danni permanenti

La causa principale che provoca il glaucoma è l’aumento della pressione intraoculare. Seguono poi fattori secondari neurodegenerativi e vascolari. Se non diagnosticato in tempo, il glaucoma può arrecare danni permanenti alla vista: dal restringimento del campo visivo alla miopia fino alla totale cecità, con conseguenze serie nella vita sociale e lavorativa.

Conseguenze sulla qualità della vita

Il professor Carlo Nucci, direttore dell’Unità operativa di oculistica del Policlinico di Roma Tor Vergata, spiega che inizialmente il campo visivo viene danneggiato in modo parziale; quindi, chi soffre di glaucoma riesce ancora a vedere bene. A lungo andare, però, quando la malattia progredisce e il campo visivo si restringe sempre più, la percezione dello spazio diminuisce e nascono le prime difficoltà nella vita di tutti i giorni con difficoltà a orientarsi nello spazio e guidare, un aumento di cadute e incidenti stradali.

Come prevenire la malattia

Prevenzione e diagnosi precoce sono le prime armi per contenere gli effetti del glaucoma, poiché si tratta di una malattia che ai primi stadi può essere asintomatica, cioè priva di sintomi. Tramite una diagnosi accurata che consiste nel controllare spesso la vista, misurando i difetti del campo visivo, le fibre del nervo ottico e la pressione intraoculare è possibile ridurre le conseguenze di questa patologia. Oltre alla riduzione della pressione intraoculare con specifici colliri, esistono altre strategie curative per prevenire il glaucoma come la neuroprotezione, che agisce sulla cellula neuronale, contrastandone la morte in maniera progressiva.

 

Da sapere!

 
Il glaucoma colpisce 55 milioni di persone nel mondo. I soggetti più a rischio sono gli over 40 con miopia alta e quelli che hanno un parente che ha sofferto o soffre di questa malattia.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti