Il tetano neonatale ha i minuti contati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/03/2013 Aggiornato il 14/03/2013

Grazie alla campagna contro il tetano neonatale che si è conclusa a fine dicembre, sono stati donati all’Unicef 35.400.315 vaccini

Il tetano neonatale ha i minuti contati

La terza edizione della campagna “Insieme contro il tetano materno e neonatale” che ha visto impegnata P&G con Dash e alcune delle sue marche al fianco dell’Unicef si è conclusa con ottimi risultati. Grazie al generoso sostegno degli italiani che hanno partecipato in modo attivo alla campagna, sono stati donati all’Unicef 35.400.315 vaccini contro il tetano neonatale, essenziali per ridurre il numero di donne e dei loro bambini che ancora oggi sono a rischio di contrarre questa malattia mortale, ma facilmente prevenibile. L’obiettivo dell’eliminazione del tetano materno e neonatale entro il 2015 è sempre più vicino: anche il Camerun ha eliminato la malattia.

In breve

CHE COS'È IL TETANO

Il tetano è una malattia provocata da un batterio, il Clostridium tetani. Si manifesta con paralisi spastica che inizia da viso e collo, per poi coinvolgere anche torace e addome, e alla fine diffondersi anche agli arti. L’infezione è innescata dalla contaminazione di tagli o ferite da parte delle spore di Clostridium tetani che, nella profondità dei tessuti, trova l’ambiente adatto crescere e a riprodursi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti