I bambini con asma possono fare il vaccino spray anti-influenzale?

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 20/05/2022 Aggiornato il 20/05/2022

Sembra di sì poiché, a differenza di quanto ritenuto finora, il vaccino spray anti-influenzale non riacutizza questa malattia respiratoria: un nuovo studio

I bambini con asma possono fare il vaccino spray anti-influenzale?

Un recente studio pubblicato su Pediatrics da un gruppo di ricercatori del Vanderbilt University Medical Center di Nashville consiglia di riesaminare le precauzioni fino a oggi utilizzate nell’impiego del vaccino anti-influenzale spray a virus attenuato per via intranasale nella popolazione peditrica: dalla ricerca, infatti, emerge che anche i bambini con asma e gli adolescenti possono essere sottoposti a questa tipologia di vaccino di facile somministrazione poiché – a differenza di quanto ritenuto finora – non aumenterebbe la riacutizzazione di questa malattia respiratoria.

Perché il vaccino spray anti-influenzale si può usare anche nei bambini con asma?

Perché, a differenza di quanto ritenuto finora, il vaccino spray anti-influenzale anche se utilizzato nei bambini con asma non peggiorerebbe i sintomi di questa malattia respiratoria. Per giungere a questa considerazione gli studiosi hanno diviso in due gruppi 151 bambini e adolescenti di età compresa tra i 5 e i 17 anni, somministrando a uno dei due gruppi il vaccino spray anti-influenzale attenuato per via intranasale e all’altro il vaccino a virus inattivato tramite iniezione intramuscolare.

Gli studiosi hanno quindi monitorato, nelle sei settimane successive alla vaccinazione, eventuali riacutizzazioni dell’asma potenzialmente connesse al vaccino, riscontrando che aveva sperimentato un “risveglio” di questa patologia respiratoria il 13% dei bambini che aveva fatto il vaccino spray e il 15% di quelli che avevano ricevuto la vaccinazione intramuscolo. E il quadro non cambiava se si prendevano in esame soltanto i bambini e i ragazzi che soffrivano di forme più severe di asma: i ricercatori non hanno pertanto riscontrato particolari differenze tra i due gruppi in termini di peggioramenti dell’asma potenzialmente connessi alla tipologia di vaccino somministrato.

Vaccini anti-influenzali a confronto: quali sono gli effetti avversi?

Gli studiosi hanno monitorato anche le altre eventuali reazioni avverse che possono verificarsi nelle due settimane dopo aver ricevuto il vaccino, riscontrando che a grandi linee le reazioni scatenate dalle due tipologie di vaccino erano sovrapponibili, con la sola differenza che il vaccino inattivato somministrato tramite iniezione intramuscolo ha sortito una maggiore frequenza di dolori muscolari e mal di gola.

 

 

 
 
 

In sintesi

Che cos’è l’asma?

L’asma è una malattia infiammatoria cronica dei bronchi caratterizzata da respiro sibilante e a volte faticoso.

Quali sono i sintomi dell’asma nel bambino?

In genere il bambino comincia a presentare una tosse secca e stizzosa a riposo o durante il gioco o la corsa. In alcuni casi a causa dello spasmo dei bronchi la sintomatologia è maggiormente marcata: si possono percepire fischi e sibili durante l’espirazione e il bambino può avvertire difficoltà respiratoria.

Se un bambino è asmatico, è importante sottoporlo a controlli periodici?

Un corretto trattamento dell’asma, farmacologico e ambientale, consente al bambino di stare bene e di non sentirsi diverso dai coetanei potendo svolgere le loro stesse attività. È dimostrato che il successo viene raggiunto in particolare dai pazienti che eseguono regolari controlli clinici, e non solo in occasione della ricomparsa dei sintomi.

 

 

Fonti / Bibliografia

  • Safety of Live Attenuated Influenza Vaccine in Children With Asthma | Pediatrics | American Academy of PediatricsBACKGROUND AND OBJECTIVES. Asthma is considered a precaution for use of quadrivalent live attenuated influenza vaccine (LAIV4) in persons aged ≥5 years because of concerns for wheezing events. We evaluated the safety of LAIV4 in children with asthma, comparing the proportion of children with asthma exacerbations after LAIV4 or quadrivalent inactivated influenza vaccine (IIV4).METHODS. We enrolled 151 children with asthma, aged 5 to 17 years, during 2 influenza seasons. Participants were randomly assigned 1:1 to receive IIV4 or LAIV4 and monitored for asthma symptoms, exacerbations, changes in peak expiratory flow rate (PEFR), and changes in the asthma control test for 42 days after vaccination.RESULTS. We included 142 participants in the per-protocol analysis. Within 42 days postvaccination, 18 of 142 (13%) experienced an asthma exacerbation: 8 of 74 (11%) in the LAIV4 group versus 10 of 68 (15%) in the IIV4 group (LAIV4-IIV4 = −0.0390 [90% confidence interval −0.1453 to 0.0674]), meet...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti