Influenza: allarme dei medici, quest’anno sarà più grave

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 06/12/2021 Aggiornato il 06/12/2021

Secondo i medici l’influenza quest'anno sarà più grave, anche perché tante persone non hanno neanche gli anticorpi rispetto ai virus della stagione passata. Per questo la vaccinazione, che si può fare fino a fine dicembre, è fortemente raccomandata

Influenza: allarme dei medici, quest’anno sarà più grave

Durante lo scorso inverno, mascherine, distanziamento, scuole chiuse  e parziale lockdown nei mesi freddi, avevano di fatto impedito ai virus influenzali di circolare. Ma quest’anno le condizioni sono diverse e l’influenza potrebbe tornare a colpire. E potrebbe farlo in maniera più aggressiva del solito.

Può diffondersi facilmente

L’anno passato, secondo il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’Istituto ortopedico Galeazzi di Milano, gli interventi per limitare la diffusione del Covid avevano tenuto molto a bada l’influenza. Adesso, invece, potrebbe diffondersi molto più facilmente. Il vaccino è l’unica arma per difendersi. L’influenza che sta per arrivare da noi ha già toccato l’emisfero meridionale, Australia, Nuova Zelanda, Sud America e Africa.

I bambini sono più esposti

L’analisi che i ricercatori hanno fatto sull’epidemia stagionale aiuta a capire l’allarme per i casi di bronchiolite (in Italia, ma soprattutto in Francia dove il freddo è arrivato prima) nei bambini sotto i due anni. Un’infezione virale che nei più piccoli si manifesta con raffreddore, febbre, tosse, respiro sibilante e difficoltà respiratoria. I primi dati parlano di una diffusione in crescita nelle regioni più a nord del Paese. Il Consiglio scientifico francese ha spiegato il fenomeno con un significativo deficit di immunità collettiva per i bambini nati dopo marzo 2020, che vanno al nido, escono regolarmente, ma non sono più protetti da un corretto distanziamento né – soprattutto – da un vaccino anti Covid.

Dati in crescita

Per quanto riguarda l’influenza, nella settimana dall’8 al 14 novembre l’incidenza ha raggiunto i 4,2 casi per mille assistiti, un valore più che doppio rispetto allo stesso periodo del 2019. A essere colpiti sono soprattutto i bambini al di sotto dei 5 anni. È quanto emerge dal rapporto settimanale sul monitoraggio delle sindrome simil-influenzali effettuato dalla rete di sorveglianza InfluNet dell’Istituto superiore di sanità che registra l’andamento dell’epidemia stagionale, la cui corsa quest’anno si incrocia con quello della nuova ondata di Covid.

 

 
 
 

Da sapere!

I sintomi sono sempre gli stessi: infezioni alle vie respiratorie, con tosse e mal di gola, febbre anche alta, mal di testa e dolori alle articolazioni e l’anno scorso hanno costretto a letto i pazienti in media per 6 giorni.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti