Influenza, il nuovo vaccino “cellulare” è più efficace

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 10/12/2021 Aggiornato il 10/12/2021

Grazie al nuovo vaccino “cellulare”, combattere l’influenza potrebbe essere presto più semplice ed efficace, specie per i bambini

Influenza, il nuovo vaccino “cellulare” è più efficace

Il nuovo vaccino quadrivalente contro l’influenza basato sulla coltura cellulare (per questo chiamato vaccino “cellulare”) è pronto a scalzare il precedente, in uso da mezzo secolo e basato sulla coltura di uova. La recente scoperta si rivela più efficace, soprattutto per i bambini, e offre vantaggi significativi a diversi livelli.

Risulta molto più protettivo

A riferirlo è una ricerca, condotta a livello internazionale sotto la guida del Doherty Institute di Melbourne e pubblicata sul New England Journal of Medicine, che mostra come il nuovo vaccino possa presto essere preferibile al precedente e sia in grado di assicurare una maggiore protezione dall’influenza ai bambini.

Efficacia dimostrata

Lo studio ha preso in esame oltre 4.500 pazienti di otto differenti Paesi e, durante tre distinte stagioni influenzali, ha scoperto come il nuovo vaccino “cellulare” contro l’influenza sia assolutamente efficace in ben il 55% dei bambini (anche di due anni) a cui è stato somministrato e, inoltre, ha tempi di produzione significativamente migliorati.

Si può modulare

Il responsabile dello studio, il dottor Terry Nolan, del Gruppo ricerca vaccini e immunizzazione del Doherty e docente dell’Università di Melbourne, sottolinea come la vecchia formulazione del vaccino potesse non essere efficace contro il ceppo di influenza diffuso in un determinato momento. Mentre, la nuova formula “cellulare” risulta più efficace e facilmente modulabile sul ceppo.

 

 

Da sapere

Vaccinare i piccoli dall’influenza, oltre ai classici vaccini per i bambini, è importante perché i bimbi sono tra i principali trasmettitori dei virus e la maggior parte dei contagi negli adulti parte proprio da loro.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di quasi 5 anni che vuole andare al nido

02/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Prima degli 11 anni di età non si può investire il bambino del potere di deciderew per sè: diversamente lo si carica di un peso che può essere psicologicamente insostenibile.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti