Influenza: più pericolosa se si ha il diabete

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 19/12/2018 Aggiornato il 19/12/2018

Sono circa 3 milioni e mezzo le persone diabetiche ma solo 3 su 10 si vaccinano contro il virus influenzale. E i pericoli legati all’influenza crescono

Influenza: più pericolosa se si ha il diabete

Alcuni recenti studi hanno rivelato che l’ influenza nei pazienti con diabete di tipo 1 e 2 triplica il rischio ricovero, fino a quadruplicare il pericolo di finire in terapia intensiva che, a causa di complicanze serie, può portare anche alla morte. Per questo tra le nuove Linee guida standard per curare il diabete mellito, stilate dalle società scientifiche Sid e Amd, è stata inserita la vaccinazione antiinfluenzale.

Quando il vaccino è gratuito

Non tutti sanno che in Italia il ministero della Salute offre gratuitamente il vaccino antiinfluenzale alle persone over 65 e ai soggetti a rischio, quindi anche alle persone colpite da diabete.

Relazione pericolosa

Esiste, infatti, un legame tra diabete e influenza che mette seriamente in pericolo i diabetici che, però, non percepiscono tale rischio. Gli esperti hanno evidenziato il ruolo dell’influenza nel causare morbosità e mortalità nelle persone diabetiche a qualsiasi età.

Solo 3 su 10 diabetici si vaccinano

Sono circa 3 milioni e mezzo gli italiani che soffrono di diabete, di cui il 6-8% sono bambini. Di questi però solo 3 su 10 si vaccinano contro il virus dell’influenza. La mancata adesione sarebbe causata anche dalla scarsa informazione, poiché non tutti sanno che i vaccini sono gratuiti, e dalle polemiche sulle vaccinazioni.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I principali fattori di rischio del diabete sono: obesità, ipertensione, inattività fisica, trigliceridi e colesterolo. Tra i sintomi rientrano soprattutto: stanchezza, bisogno di urinare spesso, sete, lenta guarigione delle ferite, perdita di peso improvvisa e vista offuscata.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di quasi 5 anni che vuole andare al nido

02/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Prima degli 11 anni di età non si può investire il bambino del potere di deciderew per sè: diversamente lo si carica di un peso che può essere psicologicamente insostenibile.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti