Influenza stagionale: in allerta per picco e Covid-19

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 12/01/2021 Aggiornato il 12/01/2021

L'influenza stagionale quest’anno sarà più difficile da gestire, specie per la sovrapposizione con il Covid-19. Ecco perché è importante sfatare i falsi miti sul tema, dagli effetti del vaccino in gravidanza alle spremute d’arancia

Influenza stagionale: in allerta per picco e Covid-19

L’influenza stagionale interessa ogni anno almeno 7-8 milioni di italiani, andando a mettere sotto pressione gli ospedali nei periodi di massima diffusione. Secondo gli esperti quest’anno il picco è previsto per fine gennaio. E l’ormai inevitabile sovrapposizione con l’emergenza Covid-19  allarma l’Istituto Superiore di Sanità (Iss). Ecco perché, sottolineano gli esperti, oggi è ancora più importante non sottovalutare la normale influenza. Che è, sì molto diffusa e spesso di lieve entità, ma non per questo senza complicanze.

Monitorare l’influenza stagionale

Con il Covid-19, quest’anno la situazione rischia di andare incontro a complicanze diffuse e difficilmente gestibili. Ecco perché, dallo scorso 12 ottobre e fino ad aprile, l’Iss ha attivato un piano speciale di monitoraggio dell’influenza stagionale. Per ora, i casi di influenza sono sotto la media, ma si prevede una crescita per fine gennaio. Il rischio è quello di intasare gli ospedali già messi a dura prova dalla pandemia e – come spiega il presidente della Società Italiana di Medicina Interna (Simi), Antonello Pietrangelo – di non riuscire a garantire standard di cura adeguati ai pazienti non Covid-19.

Gli antibiotici non servono a nulla

Ecco perché, è ancora più importante fare chiarezza sul tema e sfatare alcuni falsi miti che ruotano intorno all’influenza stagionale. Come spiegato dagli esperti dell’Iss, infatti, sul tema influenza si sono nel tempo andate a modellare delle credenze spesso molto distanti dalla realtà. Per esempio, è importante ribadire come l’influenza stagionale non si curi ricorrendo agli antibiotici che, agendo solo contro infezioni batteriche, sono del tutto inutili contro malattie virali come l’influenza.

Come prevenire

Un aiuto per scongiurare l’influenza arriva, invece, dalle fondamentali norme di prevenzione che già ci proteggono dal Covid-19: lavarsi spesso e a lungo le mani, utilizzare fazzoletti usa e getta e coprirsi naso e bocca quando si starnutisce. Certo, in via preventiva, è corretta la concezione secondo cui una spremuta d’arancia aiuti a rafforzare il sistema immunitario grazie alla Vitamina C. Attenzione però a non esagerare, se non si vuole andare incontro ad acidità gastrointestinale.

Vaccino? Sì, soprattuto in gravidanza

Occorre poi sbugiardare la credenza secondo cui il vaccino anti-influenzale possa far ammalare di influenza. Il perché è presto detto. Infatti, il vaccino viene fatto con virus inattivo, quindi incapace di provocare la malattia. In tema di vaccino, è però giusto avere presente come questo non protegga da qualsiasi virus parainfluenzale. Al contempo, però, è fondamentale ricordare come il vaccino sia sicuro e, anzi, fortemente consigliato per le donne in gravidanza, in qualsiasi fase della gravidanza.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’incidenza delle sindromi simil-influenzali e influenzali a fine 2020 si assesta ancora sotto la soglia basale con un valore pari a 1,5 casi per mille assistiti. Nella scorsa stagione in questo stesso periodo, il livello di incidenza era pari a 3,9 casi per mille assistiti.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti