Influenza stagionale: in allerta per picco e Covid-19

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 12/01/2021 Aggiornato il 12/01/2021

L'influenza stagionale quest’anno sarà più difficile da gestire, specie per la sovrapposizione con il Covid-19. Ecco perché è importante sfatare i falsi miti sul tema, dagli effetti del vaccino in gravidanza alle spremute d’arancia

Influenza stagionale: in allerta per picco e Covid-19

L’influenza stagionale interessa ogni anno almeno 7-8 milioni di italiani, andando a mettere sotto pressione gli ospedali nei periodi di massima diffusione. Secondo gli esperti quest’anno il picco è previsto per fine gennaio. E l’ormai inevitabile sovrapposizione con l’emergenza Covid-19  allarma l’Istituto Superiore di Sanità (Iss). Ecco perché, sottolineano gli esperti, oggi è ancora più importante non sottovalutare la normale influenza. Che è, sì molto diffusa e spesso di lieve entità, ma non per questo senza complicanze.

Monitorare l’influenza stagionale

Con il Covid-19, quest’anno la situazione rischia di andare incontro a complicanze diffuse e difficilmente gestibili. Ecco perché, dallo scorso 12 ottobre e fino ad aprile, l’Iss ha attivato un piano speciale di monitoraggio dell’influenza stagionale. Per ora, i casi di influenza sono sotto la media, ma si prevede una crescita per fine gennaio. Il rischio è quello di intasare gli ospedali già messi a dura prova dalla pandemia e – come spiega il presidente della Società Italiana di Medicina Interna (Simi), Antonello Pietrangelo – di non riuscire a garantire standard di cura adeguati ai pazienti non Covid-19.

Gli antibiotici non servono a nulla

Ecco perché, è ancora più importante fare chiarezza sul tema e sfatare alcuni falsi miti che ruotano intorno all’influenza stagionale. Come spiegato dagli esperti dell’Iss, infatti, sul tema influenza si sono nel tempo andate a modellare delle credenze spesso molto distanti dalla realtà. Per esempio, è importante ribadire come l’influenza stagionale non si curi ricorrendo agli antibiotici che, agendo solo contro infezioni batteriche, sono del tutto inutili contro malattie virali come l’influenza.

Come prevenire

Un aiuto per scongiurare l’influenza arriva, invece, dalle fondamentali norme di prevenzione che già ci proteggono dal Covid-19: lavarsi spesso e a lungo le mani, utilizzare fazzoletti usa e getta e coprirsi naso e bocca quando si starnutisce. Certo, in via preventiva, è corretta la concezione secondo cui una spremuta d’arancia aiuti a rafforzare il sistema immunitario grazie alla Vitamina C. Attenzione però a non esagerare, se non si vuole andare incontro ad acidità gastrointestinale.

Vaccino? Sì, soprattuto in gravidanza

Occorre poi sbugiardare la credenza secondo cui il vaccino anti-influenzale possa far ammalare di influenza. Il perché è presto detto. Infatti, il vaccino viene fatto con virus inattivo, quindi incapace di provocare la malattia. In tema di vaccino, è però giusto avere presente come questo non protegga da qualsiasi virus parainfluenzale. Al contempo, però, è fondamentale ricordare come il vaccino sia sicuro e, anzi, fortemente consigliato per le donne in gravidanza, in qualsiasi fase della gravidanza.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’incidenza delle sindromi simil-influenzali e influenzali a fine 2020 si assesta ancora sotto la soglia basale con un valore pari a 1,5 casi per mille assistiti. Nella scorsa stagione in questo stesso periodo, il livello di incidenza era pari a 3,9 casi per mille assistiti.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti