Vaccino anti-influenza: dovrebbero farlo tutti i bimbi

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 04/12/2018 Aggiornato il 04/12/2018

Ogni anno si registrano molti ricoveri per patologie legate alle complicanze del virus dell'influenza. Ecco perché per i bambini fino ai 6 anni il vaccino anti-influenza è importante

Vaccino anti-influenza: dovrebbero farlo tutti i bimbi

Vaccino sì o vaccino no? Con l’arrivo dell’inverno e l’irrigidirsi delle temperature tornano gli interrogativi sul vaccino anti-influenza: farlo  oppure no? Alberto Villani, responsabile dell’Unità operativa complessa di pediatria generale e malattie infettive dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma e presidente della Società italiana di pediatria (Sip), non ha dubbi per quanto riguarda i bambini: tutti i piccoli di età compresa tra 0 e 6 anni dovrebbero essere sottoposti al vaccino anti-influenza.

Vaccino universale

“Sarebbe auspicabile che anche in Italia si arrivasse a un vaccino universale contro l’influenza per tutti i bimbi sotto i 6 anni – spiega Villani -. Tantissimi infatti sono ogni anno i piccoli che vengono ricoverati o accedono al Pronto soccorso per patologie legate a complicanze del virus influenzale”.

Non solo i bambini a rischio

“In base al Piano nazionale per la prevenzione vaccinale 2017-2019 – prosegue Villani – il vaccino anti-influenza è gratuito e fortemente raccomandato per i bambini a rischio, ovvero i nati prematuri e i malati cronici, come bimbi che soffrono di asma, diabete di tipo 1, fibrosi cistica. Ma anche per coloro che, pur non avendo patologie croniche, nella precedente stagione invernale hanno avuto problemi respiratori come polmoniti, bronchiti e bronchiti asmatiche”. L’ideale, precisa l’esperto, sarebbe che al vaccino anti-influenza fossero sottoposti tutti i bambini che frequentano l’asilo nido e la scuola materna, anche se per loro, a oggi, non sussiste la gratuità e deve essere fatta a pagamento.

Vaccino compatibile con gli altri

Il vaccino anti-influenza è compatibile con tutte le altre vaccinazioni e non ha particolari controindicazioni: sopra i 6 mesi di vita può esser somministrato a chiunque. E sotto i sei mesi? In questi casi, precisa Villani, “a vaccinarsi possono e dovrebbero essere i genitori e i familiari a stretto contatto con il piccolo”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il ministero della Salute raccomanda la vaccinazione anti-influenzale alle donne che aspettano un bambino: la malattia in gravidanza può essere molto pericolosa, mentre il vaccino non espone a rischi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti