Lotta contro i tumori: scoperto come la malattia riesce a progredire

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 03/06/2020 Aggiornato il 03/06/2020

I ricercatori del Bambino Gesù e della Fondazione Airc hanno fatto un’importante scoperta nella lotta contro i tumori: la malattia inganna il sistema di difesa

Lotta contro i tumori: scoperto come la malattia riesce a progredire

Impartiscono un ordine falso, ingannando le Natural killers che hanno la funzione di attaccare e distruggere il tumore. Ecco come agiscono le cellule tumorali per sopravvivere e moltiplicarsi nell’organismo. È una fondamentale scoperta che permetterà di compiere progressi nella lotta contro i tumori. L’incoraggiante notizia è il risultato delle ricerche degli esperti dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, in collaborazione con il Dipartimento di Medicina sperimentale dell’Università di Genova e con il sostegno di Fondazione Airc (Associazione italiana ricerca sul cancro). Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology.

Un freno alle difese dell’organismo

Gli esperti hanno individuato una combinazione, finora sconosciuta, di citochine e cortisolo. Queste due sostanze, unendosi, creano una sinergia che provoca l’espressione, sulle cellule Natural killers, della proteina PD-1, che riduce la risposta difensiva da parte dell’organismo.  Il PD-1 è un check-point inibitore, una sorta di “freno” molecolare, che impedisce reazioni di difesa eccessive in grado di danneggiare l’organismo e i tessuti, causando per esempio malattie autoimmuni e forti reazioni infiammatorie. I tumori sfruttano questa funzione. Riescono, infatti, a ordinare alle cellule Natural killers di far comparire sulla propria superficie il PD-1. In questo modo le Nk, fondamentali per la lotta contro i tumori da parte dell’organismo, vengono frenate e non riescono ad attaccare e a distruggere il tumore stesso » spiega il professor Lorenzo Moretta, direttore dell’Area Immunologica dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Come agiscono le cellule tumorali

Il tumore riesce a “corrompere” le normali difese dell’organismo, alterandone l’attività a proprio vantaggio. In particolare vengono prodotte tre particolari citochine (molecole proteiche che funzionano da messaggeri del sistema immunitario) denominate IL-15, IL-18 e IL-12. Queste si combinano con il cortisolo, un ormone secreto in abbondanza dalle ghiandole surrenali in situazioni di stress, nel corso di malattie infiammatorie e di tumori. Le tre citochine e il cortisolo insieme ingannano le cellule Natural killer le quali, invece che attaccare il tumore, iniziano a esprimere PD-1. Così la malattia tumorale, invece che essere fermata dall’organismo stesso, ha la possibilità di crescere.

Un’arma in più contro il tumore

Scoprire il meccanismo con cui le cellule tumorali impartiscono quest’ordine, eludendo il controllo delle difese naturali dell’organismo, è un importante passo in avanti nella lotta contro i tumori. Identificare il meccanismo di una malattia e le varie molecole coinvolte permette di avere nuovi bersagli, finora ignoti, per farmaci già disponibili e quindi di adottare cure più mirate. Per esempio, contro la PD-1 vengono già utilizzati con successo particolari anticorpi che bloccano la proteina nel melanoma e in alcuni tipi di tumore del polmone. Inoltre, grazie a scoperte come questa, si potranno evitare trattamenti che potrebbero invece rivelarsi poco utili.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’organismo umano è in grado di combattere da solo una malattia tumorale in stadio iniziale. Lo fa grazie alle Natural killers, “sentinelle” del sistema di difesa che attaccano le cellule malate risparmiando quelle sane.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti