Malattie sessualmente trasmesse: è allarme per l’aumento dei casi

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 20/01/2020 Aggiornato il 20/01/2020

Ogni anno si verificano in tutto il mondo milioni di nuovi casi di malattie sessualmente trasmesse, causa di disturbi acuti e complicanze a lungo termine, compresa l’infertilità. L’allarme dell’Istituto superiore di sanità riguarda soprattutto i giovani

Malattie sessualmente trasmesse: è allarme per l’aumento dei casi

Sarà per la mancanza di consapevolezza del rischio o per la carenza di campagne di sensibilizzazione, sta di fatto che le malattie sessualmente trasmesse sono sempre più diffuse tra i giovani, poco propensi a proteggersi adeguatamente da funghi, virus e batteri.

Il rapporto dell’Istituto superiore di sanità

Anche in Italia è aumentato il numero di persone che hanno contratto un’infezione sessuale, stando ai dati del  Centro operativo Aids-dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità (Iss), il quale, recentemente, ha organizzato un convegno, in occasione del trentennale della Convenzione internazionale di New York sui diritti dei giovanissimi, proprio per sensibilizzare i più giovani sui rischi delle malattie sessualmente trasmesse. Si è trattato di un importante momento di confronto tra esperti di settore, docenti e studenti per contrastare la diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse, in aumento in tutto il mondo. Si stimano 357 milioni di nuovi casi tra clamidia, gonorrea, sifilide e trichimonas vaginalis. Gli strumenti più efficaci per prevenire le malattie veneree sono sicuramente una corretta informazione, l’uso del preservativo e l’accesso ai test.

Soprattutto infezioni di origine virale

Tra le malattie sessualmente trasmesse, aumentano  i casi di infezioni ad eziologia virale: 417 milioni di persone hanno contratto l’Herpes simplex di tipo 2, mentre 291 milioni di donne hanno preso il Papillomavirus. Batteri, virus, funghi favoriscono l’insorgenza delle infezioni nel corso di rapporti sessuali non protetti. Le manifestazioni possono essere lievi e durare poco tempo oppure cronicizzarsi, interferendo con la qualità della vita, limitando la salute riproduttiva e sessuale e favorendo l’insorgenza di alcuni tipi di tumore.

 
 
 

Da sapere!

Telefono verde Aids e Ist – 800 861 061: il servizio  è normalmente attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 13 alle ore 18. Per maggiori informazioni consultare il sito uniticontrolaids.it.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti