Mani bocca piedi: sintomi, cause, cura

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 28/06/2023 Aggiornato il 07/08/2023

Mani bocca piedi è una malattia esantematica che può colpire i nostri bambini. Vediamo insieme quali sono i sintomi, come avviene il contagio e come si cura.

Mani bocca piedi: sintomi, cause, cura

Tra le malattie esantematiche che possono colpire i bambini c’è anche la mani bocca piedi, che spesso viene chiamata anche bocca mani piedi. Il nome indica precisamente le zone colpite da questa malattia che, pur non essendo grave, può essere fastidiosa per i nostri bambini. Vediamo quindi tutto quello che dovremmo sapere su questa malattia infantile, anche se il vostro punto di riferimento dovrà sempre rimanere il pediatra di fiducia.

Mani bocca piedi, di cosa si tratta?

La mani bocca piedi è una malattia esantematica, cioè che si manifesta sul corpo con un esantema: delle macchie o altre alterazioni diffuse della pelle che possono provocare prurito e fastidio. In questa categoria rientrano anche il morbillo, la rosolia, la varicella, la scarlattina, la quarta malattia, la quinta malattia e la sesta malattia. Il responsabile della mani bocca piedi è un virus appartenente alla famiglia degli Enterovirus, che è presente durante tutto l’arco dell’anno ma che può colpire con maggiore frequenza nei mesi invernali e in quelli primaverili. I più colpiti sono i bambini con meno di dieci anni di età, ma una forma di mani bocca piedi lieve può colpire anche adolescenti e adulti.

Mani bocca piedi, incubazione

Il periodo di incubazione della mani bocca piedi può andare dai 3 ai 7 giorni circa. In questo periodo il bambino non ha sintomi: cominciano ad apparire per primi un po’ di mal di gola e di fastidio in bocca. Successivamente si manifestano le prime macchioline rosse sui palmi delle mani, sulle piante dei piedi e in bocca, che si trasformeranno poi in vescicole.

Bocca mani piedi: sintomi

I primi sintomi possono comparire sul corpo del bimbo dopo un breve periodo di incubazione, dai 3 ai 7 giorni circa. Trascorso questo tempo possono cominciare a comparire macchioline rosse sul palmo delle mani, sulla pianta dei piedi, in bocca e a volte anche nella zona del pannolino. Le macchioline si trasformano poi in vescicole: non danno un prurito molto intenso e tendono a sparire da sole nel giro di una decina di giorni. A volte i bambini possono avere un po’ di febbre (può arrivare a 38-39 gradi e durare 24-48 ore), ma la temperatura potrebbe anche essere normale. Tra i sintomi meno comuni troviamo invece vesciche sulla lingua, sulle guance, in gola, sulle tonsille e su braccia e gambe oppure dolori addominali, diarrea, mal di gola e cefalea.

Mani bocca piedi, quando è contagiosa?

La mani bocca piedi è un’infezione virale che si diffonde con grande facilità. Il contagio può avvenire in diversi modi:

  • attraverso la saliva: colpi di tosse, starnuti, baci o il contatto con un oggetto che un bimbo infetto ha messo in bocca possono essere vettori del virus. È proprio per questo motivo che all’interno di nidi e scuole materne possono scoppiare vere e proprie epidemie!
  • con il contatto diretto con superfici contaminate da saliva, secrezioni nasali, fluidi o feci di persone infette;
  • tramite le feci di una persona malata.

Mani bocca piedi, contagio adulti

Si tratta di una malattia tipicamente infantile, ma ciò non toglie che possa colpire anche adolescenti e adulti, seppure solitamente in forma lieve o addirittura in maniera asintomatica. I sintomi sono gli stessi che manifestano i bambini e la guarigione avviene nel giro di una settimana circa. Bisogna prestare maggiore attenzione se si è in dolce attesa: la bocca mani piedi in gravidanza, infatti, può raramente comportare delle complicanze sia per la futura mamma sia per il nascituro, soprattutto nelle prime settimane di gestazione. La cosa migliore è consultare il proprio ginecologo, in modo che possa monitorare al meglio la salute di entrambi.

Mani bocca piedi: quanto dura

La durata media di questa infezione virale è di circa 7-10 giorni. La persona infetta è molto contagiosa nei primi sette giorni della malattia, ma il virus continua ad essere eliminato con le feci per circa un mese.

Ci possono essere complicazioni?

La mani bocca piedi è una malattia che si risolve spontaneamente senza grandi complicazioni. Bisogna però considerare che le vescicole che compaiono in bocca possono essere fastidiose e dare difficoltà al bambino al momento di mangiare o di bere. Il rischio più grave è quindi rappresentato dalla disidratazione a cui può portare questa situazione.

La terapia per la bocca mani piedi

Non ci sono farmaci specifici per curare la bocca mani piedi. È una malattia che di solito guarisce spontaneamente, senza l’uso di farmaci, ma ciò non toglie che possiamo mettere in atto alcune misure per alleviare i sintomi e per attenuare il fastidio del piccolo paziente. Su consiglio e prescrizione del pediatra può essere somministrato del paracetamolo contro la febbre oppure degli spray, dei collutori o dei gel analgesici per lenire il fastidio delle vescicole nel cavo orale.
Per aiutare il bambino a mangiare e a bere nonostante il fastidio delle ulcere in bocca si possono proporre cibi morbidi e freschi oppure tiepidi, come ad esempio puree di patate o di verdure, yogurt e gelati e bevande come ad esempio brodi tiepidi, latte lasciato raffreddare e succhi o frullati di frutta. È importante proporre spesso al bambino di bere qualche sorso di acqua o di altre bevande per prevenire il rischio di disidratazione.

Si può prevenire?

Non esiste ad ora un vaccino contro la bocca mani piedi. Come per tutte le infezioni virali è necessario e raccomandato il lavaggio frequente e accurato delle mani con acqua e sapone. Anche gli oggetti e le superfici che vengono a contatto con il bimbo infetto o che possono essere potenzialmente contaminati andrebbero sanificati per evitare la diffusione del contagio.
Molti genitori si chiedono se con mani bocca piedi si può uscire. Sarebbe meglio tenere a casa il bambino nella fase contagiosa della malattia in modo da non contribuire a diffondere l’infezione, inoltre il piccolo potrebbe essere stanco, debilitato e poco reattivo. Se il bimbo sta bene e le manifestazioni cutanee sono scomparse è possibile uscire e tornare a scuola; questo di solito avviene dopo circa una settimana dal primo manifestarsi dei sintomi.

 
 

In breve

Tra le malattie infantili che possono colpire i nostri bambini c’è anche mani bocca piedi. Non è una malattia grave, ma può causare qualche fastidio: si manifesta con vescicole sulle mani, sui piedi e in bocca che possono provocare prurito o dolore. È estremamente contagiosa, quindi è meglio lavarsi le mani spesso e accuratamente.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti