La meningite B non fa più paura!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/06/2014 Aggiornato il 20/06/2014

La meningite B, responsabile di oltre 7 casi su 10 di meningite pediatrica, colpisce soprattutto i neonati. Si può vincere con informazione e vaccino

La meningite B non fa più paura!

Nasce il ‘Progetto B Free. La meningite B non fa più paura’ e il suo scopo è diffondere la conoscenza e offrire supporto informativo sul tema delle meningiti, con un focus specifico sulla meningite B, che rappresenta una malattia subdola, che aggredisce i nostri piccoli senza preavviso, e che può avere conseguenze gravi e persino avere un esito letale in tempi estremamente brevi.

Colpisce repentinamente entro l’anno di età

La meningite B colpisce prevalentemente bambini al di sotto dell’anno di età e ragazzi tra i 14 e i 18 anni; in tutto il mondo ogni anno si contano oltre 350.000 casi e, in Italia, si registrano 3 casi ogni 100.000 bimbi. Il fattore tempo è essenziale. Rapidissimo riconoscimento dei sintomi, contatto del medico all’insorgere dei primi segni di alterazione e intervento tempestivo sono fondamentali per una risoluzione dell’infezione e per evitare le conseguenze devastanti della malattia. È per questo che il Comitato Editoriale del sito ‘Progetto B Free’ ha deciso di attivarsi e di dare vita ad una pagina Facebook e ad un portale dedicato totalmente a questa malattia, così che sia semplice il reperimento di informazioni corrette sulla malattia e sulla sua prevenzione.

Un gruppo di donne con un obiettivo preciso

Non a caso il Comitato Editoriale B Free è composto da donne che hanno a che fare con i piccoli e con questo brutta malattia. Sono tre medici – Marisa Ann Capaldi, Francesca Lippi, Luciana Nicolosi – affiancate dalla giornalista Letizia Gabaglio e dalla specialista in counselling Anna Ercoli. Un pool competente e multidisciplinare che racconta a tutti, attraverso il sito Progetto B Free, tutto quanto occorre sapere sulla meningite e su come proteggere i nostri piccoli: nasce così un supporto informativo importante e interessante che aiuterà a comprendere questa malattia, a conoscerla meglio e decidere le opportune azioni preventive. La pagina Facebook dedicata non solo informa ma offre a tutte le utenti un’area di condivisione, svago e approfondimento ‘da mamma a mamma’

È arrivata la vaccinazione contro la meningite B!

In questo scenario, la vaccinazione riveste un ruolo fondamentale per prevenire la malattia e proteggere i bambini dall’infezione. In Italia era già disponibile la vaccinazione contro il ceppo C della meningite meningococcica, ma da pochi mesi, anche nel nostro paese è possibile proteggere i nostri piccoli con la vaccinazione specifica contro il meningococco di tipo B. Un’arma efficace e utilissima che permette ai bimbi di crescere sani e a tutte le mamme di dormire più tranquille!

In breve

PER SAPERNE DI PIÙ

Per avere maggiori informazioni si può andare sul sito: www.progettobfree.it.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti