Meningite nei bambini: fa paura, ma pochi fanno il vaccino

Roberta Camisasca Pubblicato il Aggiornato il 12/10/2018

I genitori italiani sanno che la meningite nei bambini è una malattia pericolosa, ma temono le conseguenze del vaccino

Il 49% dei genitori italiani ha sentito parlare della meningite nei bambini e l’82% ha capito quanto è grave. Il 79% sa anche che è disponibile un vaccino, ma molti genitori hanno ancora paura e decidono di non vaccinare i figli. Sono dati emersi dall’indagine condotta da Elma Research su 2mila genitori. Il 38% ha paura delle conseguenze dei vaccini, il 29% pensa che quelli richiesti ai bambini siano troppi.

Nessuno è indenne

La meningite oggi,è considerata una vera emergenza sanitaria. I sintomi possono essere generici all’inizio e colpire chiunque: nessuno è indenne perché non esistono esami del sangue che possono identificare il rischio. La mortalità è del 10%, mentre il 30% dei contagiati subisce complicanze permanenti. Come riferisce l’Istituto superiore di sanità, nel 2016 sono stati segnalati 1462 casi di malattia invasiva da pneumococco, 232 da meningococco e 140 da emofilo. L’incidenza della malattia invasiva da meningococco è maggiore nella fascia 0-4 anni e in particolare nel primo anno di vita, dove supera i 4 casi per 100.000, si mantiene elevata fino alla fascia 15-24 anni e diminuisce dai 25 anni. Nel 2017 il meningococco B è tornato a essere il sierogruppo più frequente.

Cosa prevede il piano vaccinale

Per la prevenzione della meningite nei bambini, il nuovo Piano nazionale vaccinale (2017-2019) ha inserito le vaccinazioni per meningococco C e B tra i Livelli essenziali di assistenza. Ciò significa che vengono offerti ai nuovi nati il vaccino per il meningococco B (3 dosi più una di richiamo) da effettuarsi al 3-4-6 e 13° mese e quello per il meningococco C, tra il 13 e 15° mese. Agli adolescenti tra i 12 e i 18 anni è offerto il vaccino quadrivalente per il meningococco ACWY (vaccino coniugato). L’obiettivo fissato dal ministero della Salute è arrivare al 95% di copertura per la popolazione pediatrica per garantire la cosiddetta immunità di gregge, concetto che spesso sfugge ai genitori. Significa che raggiungere il 95% di copertura di vaccinazioni serve a proteggere chi non può vaccinarsi, perché magari ha il sistema immunitario debole o è malato.

Il tipo B

La vaccinazione per il meningococco B è raccomandata solo nel primo anno di vita, ma le evidenze scientifiche dimostrano che il rischio di infezione si mantiene elevato lungo tutta l’età prescolare. A segnalarlo è una ricerca condotta in diverse regioni italiane e coordinata dall’ospedale Meyer di Firenze.
 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

 

Anche nei bambini più grandi e negli adulti esiste il rischio di meningite: dai 10 ai 24 anni si sono registrati nel 2017 il 40% di casi di meningococco B e il 34% di quello C.

 

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Posso prendere la spirulina per il ferro basso? Meglio di no

E' normale, in gravidanza, che si verifichi una diminuzione dell'emoglobina nel sangue, ma il ricorso alla spirulina è sconsigliato per porvi rimedio. Si deve invece porre grande attenzione alla dieta ed, eventualmente, assumere il ferro (su prescrizione del ginecologo).  »

Richiamo antivaricella: è da fare in vista del concepimento?

Il richiamo della vaccinazione contro la varicella è senza dubbio da effettuare in vista di una gravidanza. E' importante però essere sicure che il concepimento non sia già avvenuto. Ma non è questo l'unico vaccino con cui è bene "essere in regola" prima del concepimento.   »

Non saranno troppo tutti questi vaccini assieme?

Le vaccinazioni mettono al riparo dal rischio che il bambino sia colpito da malattie terribili, che possono mettere a repentaglio la sua vita. I vaccini combinati sono l'opzione migliore, quindi vanno effettuati senza timori, nella certezza che siano una protezione irrinunciabile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti