Meningite: solo il vaccino evita il contagio

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 07/01/2019 Aggiornato il 15/11/2019

Il vaccino rimane l’arma di prevenzione più sicura ed efficace contro la meningite. Ecco perché gli esperti lo raccomandano

Meningite: solo il vaccino evita il contagio

La meningite si può prevenire solo con il vaccino. Lo conferma Carlo Tascini, direttore prima divisione malattie infettive dell’Ospedale Cotugno di Napoli, secondo cui non sono aumentati i casi di meningite in generale, ma sono aumentati quelli più gravi. La malattia, anche se rara, può avere esiti fatali, ma si può prevenire con la vaccinazione.

Il vaccino è sicuro

Gli esperti, infatti, raccomandano il vaccino contro la meningite, in quanto è l’unico rimedio oggi in grado di prevenire l’infezione. Peraltro, la vaccinazione è tra le più sicure e con i minori effetti collaterali. In Gran Bretagna, per esempio, dove la malattia ha provocato un numero di decessi molto alto, il numero di contagi è diminuito proprio grazie alle campagne vaccinali.

Da che cosa è provocata

A scatenare la meningite sono vari agenti patogeni tra cui batteri, quali l’Haemophilus tipo B, il meningococco e il pneumococco, funghi e virus, questi ultimi due provocano le infezioni più frequenti ma meno pericolose.

All’inizio si confonde con l’influenza

La meningite provoca l’infiammazione delle meningi, le membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale. All’inizio si manifesta con sintomi simili all’influenza, ossia febbre alta e mal di testa. Negli adulti i sintomi tipici dell’infezione sono rigidità nucale, vomito, sensibilità alla luce, alterazioni dello stato di coscienza e convulsioni, mentre nei bambini prevalgono irritabilità, inappetenza, instabilità termica, sonnolenza e mancanza di reattività agli stimoli. Il ritardo della diagnosi può provocare danni cerebrali, amputazione degli arti, perdita dell’udito e, nel peggiore dei casi, morte.

Da sapere!

Il decorso clinico della meningite batterica è molto rapido tanto da poter condurre alla morte in breve tempo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti