Mononucleosi bambini: è pericolosa?

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 27/03/2019 Aggiornato il 18/11/2019

La mononucleosi nei bambini non deve spaventare: nei piccoli, infatti, è spesso talmente lieve da passare quasi inosservata. Quello che c'è da sapere

Mononucleosi bambini: è pericolosa?

La diagnosi mette in ansia i genitori. Contrariamente a quanto si pensa, però, la mononucleosi nei bambini è una malattia praticamente innocua.

Si trasmette con la saliva

La mononucleosi nei bambini è provocata dal virus Epstein-Barr, che fa parte della famiglia degli herpes virus, cui appartiene anche il microrganismo responsabile della varicella. La trasmissione avviene soprattutto tramite la saliva. Ecco perché è chiamata anche la “malattia del bacio”. In pratica, attraverso un bacio “infetto” o tramite il contatto con la saliva di una persona malata, diffusa per esempio tramite uno starnuto o ancora bevendo dal suo stesso bicchiere, si rischia di contrarre il virus.

Sembra un’influenza

È diffusa soprattutto nella fascia di età che va dai 15 ai 25 anni, ma la mononucleosi è abbastanza frequente anche nei bambini . Soprattutto nell’infanzia, poi, è quasi sempre asintomatica o con sintomi poco caratteristici, al punto da essere scambiata per una normale Influenza. Quando si manifesta, lo fa con malessere generale, mal di testa e mal di gola. Dopo pochi giorni le ghiandole, soprattutto di collo, ascelle e inguine, possono apparire gonfie e dare dolore: significa che l’infezione si è diffusa in tutto l’organismo. In alcuni casi compare anche la febbre, a volte alta.

Si cura con il riposo

La mononucleosi viene diagnosticata attraverso specifici esami del sangue. In ogni caso, non si tratta di un’infezione pericolosa: l’organismo, anche quello dei più piccoli, è in grado di affrontarla senza aiuti esterni. La medicina migliore è il riposo: così non si indebolisce ulteriormente il corpo con stress fisici o psichici. Eventualmente, se è presente febbre, il pediatra può prescrivere farmaci antipiretici, mentre per il mal di gola pasticche o sciroppi. Da tenere presente che il senso di affaticamento può rimanere anche per un mese e oltre.

In breve

IL PERIODO DI INCUBAZIONE

Il periodo di incubazione della mononucleosi varia: nell’adulto è di quattro-sei settimane, nel bambino di una-tre settimane.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti