Mononucleosi bambini: è pericolosa?

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 27/03/2019 Aggiornato il 18/11/2019

La mononucleosi nei bambini non deve spaventare: nei piccoli, infatti, è spesso talmente lieve da passare quasi inosservata. Quello che c'è da sapere

Mononucleosi bambini: è pericolosa?

La diagnosi mette in ansia i genitori. Contrariamente a quanto si pensa, però, la mononucleosi nei bambini è una malattia praticamente innocua.

Si trasmette con la saliva

La mononucleosi nei bambini è provocata dal virus Epstein-Barr, che fa parte della famiglia degli herpes virus, cui appartiene anche il microrganismo responsabile della varicella. La trasmissione avviene soprattutto tramite la saliva. Ecco perché è chiamata anche la “malattia del bacio”. In pratica, attraverso un bacio “infetto” o tramite il contatto con la saliva di una persona malata, diffusa per esempio tramite uno starnuto o ancora bevendo dal suo stesso bicchiere, si rischia di contrarre il virus.

Sembra un’influenza

È diffusa soprattutto nella fascia di età che va dai 15 ai 25 anni, ma la mononucleosi è abbastanza frequente anche nei bambini . Soprattutto nell’infanzia, poi, è quasi sempre asintomatica o con sintomi poco caratteristici, al punto da essere scambiata per una normale Influenza. Quando si manifesta, lo fa con malessere generale, mal di testa e mal di gola. Dopo pochi giorni le ghiandole, soprattutto di collo, ascelle e inguine, possono apparire gonfie e dare dolore: significa che l’infezione si è diffusa in tutto l’organismo. In alcuni casi compare anche la febbre, a volte alta.

Si cura con il riposo

La mononucleosi viene diagnosticata attraverso specifici esami del sangue. In ogni caso, non si tratta di un’infezione pericolosa: l’organismo, anche quello dei più piccoli, è in grado di affrontarla senza aiuti esterni. La medicina migliore è il riposo: così non si indebolisce ulteriormente il corpo con stress fisici o psichici. Eventualmente, se è presente febbre, il pediatra può prescrivere farmaci antipiretici, mentre per il mal di gola pasticche o sciroppi. Da tenere presente che il senso di affaticamento può rimanere anche per un mese e oltre. 

In breve

IL PERIODO DI INCUBAZIONE

Il periodo di incubazione della mononucleosi varia: nell’adulto è di quattro-sei settimane, nel bambino di una-tre settimane. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti