Morbillo: 4,5 milioni di bambini in Europa non sono vaccinati

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 19/07/2019 Aggiornato il 18/11/2019

Solo in Italia dal 1° gennaio al 30 aprile 2019 sono stati segnalati 864 casi di morbillo

Morbillo: 4,5 milioni di bambini in Europa non sono vaccinati

La guerra ai vaccini continua a fare danni. Secondo i dati ufficiali, infatti, oggi in Europa ben 4,5 milioni di bambini non sono vaccinati per il morbillo. Dunque, invece di fare progressi continuiamo a regredire: se nel 2007 ad avere una copertura vaccinale del 95% erano ben 14 paesi europei, oggi a raggiungere questa percentuale sono solo quattro nazioni.

Il risultato? Solo in Italia, secondo l’ultimo rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità, dal 1° gennaio al 30 aprile 2019 sono stati segnalati 864 casi di morbillo. Un problema che non risparmia nemmeno gli altri continenti. Negli Stati Uniti, per esempio, quest’anno si sono registrati già quasi mille casi di morbillo: si tratta del numero più elevato da 25 anni.

In Italia i casi sono in aumento

Nel nostro Paese l’emergenza morbillo non accenna a placarsi, anzi cresce sempre più. Degli 864 casi registrati da inizio anno, infatti, ben 299 sono avvenuti nell’ultimo mese di registrazione. Il problema è ubiquitario, tanto che le segnalazioni sono arrivate da 19 regioni. Le più problematiche da questo punto di vista, tuttavia, sono il Lazio, con 245 malati, la Lombardia, con 233, e l’Emilia Romagna, con 144.

Chi, nonostante le campagne di sensibilizzazione, ancora oggi è convinto che non serva fare allarmismi perché il morbillo è una malattia innocua dovrà iniziare a ricredersi: nel 32,6%% c’è stata almeno una complicanza, tra cui anche due casi di encefalite. A essere colpiti non sono solo i bambini, ma anche e soprattutto trentenni. La colpa? La tendenza a vaccinare sempre meno registrata da 20 anni a questa parte.

In Europa è in corso una vera e propria epidemia

In Europa, secondo il Centro europeo per il Controllo delle Malattie (Ecdc), è in corso una vera e propria epidemia di morbillo: dal 1 gennaio 2016 all’1 marzo 2019, infatti, negli Stati membri si sono registrati 44.074 casi, con una media nell’ultimo anno di un milione di persone colpite. Di qui l’appello di esperti e istituzioni per sottoporsi alla vaccinazione contro il morbillo.

Da sapere!

Il morbillo è una malattia che causa sintomi respiratori, febbre e macchie (esantema). Nei casi più seri possono sopraggiungere delle complicanze: infezioni alle vie respiratorie, come polmoniti o laringotracheobronchiti, o problemi neurologici, come encefaliti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti