Morbillo: allarma l’aumento di infezioni a livello globale

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 24/04/2019 Aggiornato il 26/04/2019

I casi di morbillo a livello mondiale sono in preoccupante aumento. L'Unicef lancia l'allarme: milioni nel mondo i bambini non vaccinati

Morbillo: allarma l’aumento di infezioni a livello globale

Il morbillo rappresenta una crescente minaccia per i bambini. Nelle scorse settimane  il sindaco di New York ha dichiarato lo stato di emergenza e ha reso obbligatoria la vaccinazione in seguito all’epidemia di casi registrati a partire da ottobre. Anche in Brasile, Madagascar, Filippine, Ucraina e Yemen si parla di epidemia, e a livello mondiale sono ben 98 i Paesi che nel 2018 hanno registrato più casi di morbillo rispetto al 2017. Tra questi ultimi i primi dieci, da soli, hanno fatto registrare circa il 74% dell’incremento totale a livello mondiale.

L’allerta dell’Unicef

L’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, parla di “minacce al progresso contro questa malattia ampiamente prevenibile ma potenzialmente letale”, ed esorta popolazioni e istituzioni a non sottovalutare il problema e a prendere le dovute misure di prevenzione..

Vaccino sicuro ed efficace

“Questo è un campanello d’allarme. Questi casi non sono comparsi improvvisamente: “le epidemie gravi che stiamo vedendo oggi si sono propagate nel 2018”, spiega Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef, poiché “la mancanza di un’azione oggi avrà conseguenze disastrose per i bambini domani”. L’invito dell’esperta è di ricorrere all’uso del vaccino, con particolare attenzione ai bambini: “Abbiamo un vaccino sicuro, efficace ed economico contro una malattia altamente contagiosa, un vaccino che ha salvato circa un milione di vite ogni anno negli ultimi due decenni”.

Campagna Unicef nei Paesi in via di sviluppo

Strutture sanitarie non adeguate, conflitti civili, scarsa sensibilizzazione delle comunità, noncuranza ed esitazioni sui vaccini: sono diverse le motivazioni che in molti Paesi hanno portato al vertiginoso aumento dei casi di morbillo e allo sviluppo di epidemie. Per cercare di mettere un freno al dilagare dei contagi l’Unicef sta supportando i governi per raggiungere con la vaccinazione milioni di bambini in tutto il mondo attraverso interventi in Paesi come l’Ucraina, le Filippine (dove saranno vaccinati 9 milioni di bambini), Brasile (dove verranno sottoposti al vaccino 11 milioni di bambini sotto i 5 anni) e Yemen (dove la vaccinazione riguarderà 11,5 milioni di bambini).

Emergenza sanitaria a New York

Il problema dell’aumento dei casi di morbillo non riguarda solo i Paesi in via di sviluppo: basta pensare agli Stati Uniti, dove il numero dei contagi è aumentato di sei volte fra il 2017 e il 2018, raggiungendo i 791 casi, e alla dichiarazione dello stato di emergenza sanitaria di alcuni giorni fa nella città di New York.

Combattere diffidenza e noncuranza

“Quasi tutti questi casi sono prevenibili – conclude Fore -, ma nonostante questo i bambini vengono colpiti anche in posti in cui, semplicemente, non c’è alcuna scusa. La vera infezione è la disinformazione, la diffidenza e la noncuranza: dobbiamo fare di più per informare in modo accurato i genitori”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

In Italia nel 2018 i casi di morbillo sono diminuiti del 56% rispetto al 2017, passando da 5.396 casi confermati nel 2017 a 2.373. Risultato raggiunto in seguito alla legge Lorenzin sull’obbligatorietà vaccinale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti