Morbillo, l’Oms lancia l’allarme: focolai in crescita

Lorenzo Marsili
A cura di Lorenzo Marsili
Pubblicato il 20/09/2019 Aggiornato il 20/09/2019

L’Oms lancia l’allarme: attenzione alla crescita del morbillo. Rispetto al 2018, i casi di infezione sono triplicati, con focolai in espansione in tutto il mondo

Morbillo, l’Oms lancia l’allarme: focolai in crescita

Il morbillo è una malattia infettiva molto contagiosa che colpisce solo l’essere umano ed è caratterizzata dalla comparsa cutanea di piccole macchioline rosso-brune. Da quando esiste il vaccino, i casi di morbillo si sono ridotti drasticamente. Attenzione, però, perché quest’anno i casi registrati e i focolai sono tornati a crescere costringendo l’Oms a lanciare l’allarme. Negli Stati Uniti si sono registrati i dati più alti degli ultimi 25 anni.

La prevenzione

Il morbillo rientra nelle cosiddette malattie infantili, in quanto si presenta principalmente tra il primo e il terzo anno. Normalmente, in età infantile la vaccinazione prevede una prima somministrazione al raggiungimento del primo anno di vita e una seconda a 5-6 anni. Prima della 24esima settimana la vaccinazione non è necessaria. Infatti, se la mamma è vaccinata, il sistema immunitario del piccolo conserva temporaneamente la medesima protezione.

Viaggi a rischio

Il morbillo può colpire anche gli adulti non vaccinati o che non lo hanno mai contratto. L’Oms invita pertanto chi non è sicuro di essere stato vaccinato a consultare il proprio medico. Una raccomandazione che vale doppio se si ha in programma un viaggio in zone a rischio. In questi casi, è importante vaccinarsi almeno 15 giorni prima della partenza. Angola, Camerun, Ciad, Kazakistan, Nigeria, Filippine, Sud Sudan, Sudan e Tailandia presentano grandi focolai attivi, mentre il maggior numero di casi si è registrato nella Repubblica Democratica del Congo, in Ucraina e in Madagascar, con quest’ultimo che grazie a un piano nazionale sta dimostrando l’efficacia del vaccino per debellare il virus.

Vaccino per tutti

L’Organizzazione mondiale della Sanità riferisce che rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso i casi di morbillo sono triplicati. Il numero è il più alto fatto registrare dal 2006. Dati che interessano milioni di persone in tutto il mondo. Come sottolineato dall’Oms, il problema principale è rappresentato dai focolai, che mettono alle strette i sistemi sanitari più deboli. Nei paesi a rischio, dai focolai possono derivare infezioni più estese, gravi malattie, disabilità di vario genere e, nei casi limite, anche il decesso. Vaccinarsi è dunque fondamentale. Per scongiurare la crescita dei focolai, l’Oms invita pertanto i governi a garantire le due dosi richieste per il vaccino.

 

Da sapere

Una volta contratto il morbillo, l’infiammazione si protrae per una decina di giorni. È necessario attendere che il virus faccia il suo corso perché non esistono cure specifiche.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti