Morbillo: pericoloso non solo per i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/10/2017 Aggiornato il 18/11/2019

In Italia sono 3 milioni le persone a rischio di morbillo. E il numero è destinato ad aumentare

Morbillo: pericoloso non solo per i bambini

Uno studio effettuato dalla Fondazione Bruno Kessler di Trento e dall’università Bocconi di Milano, poi pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica The Lancet Infectious Diseases, ha evidenziato che in Italia sono 3 milioni le persone tra i 15 e 40 anni non protette nei confronti del morbillo, perché non vaccinate o perché non lo hanno contratto in età infantile.

Copertura vaccinale insufficiente

Un numero elevato, che ha suggerito l’ipotesi che le vaccinazioni che attualmente si effettuano sui bambini potrebbero non essere sufficienti per garantire una protezione contro la malattia. Per evitare che il morbillo si propaghi servirebbe, infatti, una copertura vaccinale del 95 per cento, mentre in Italia attualmente siamo circa all’85 per cento. Secondo i ricercatori, l’obiettivo di eliminare completamente il morbillo dal nostro Paese si sta allontanando sia perché non tutti i cittadini sono immunizzati, sia a causa dell’invecchiamento della popolazione.

Più rischi negli adulti  

Rispetto ai bambini, gli adulti che si ammalano di morbillo hanno febbre più alta, un esantema più esteso e un rischio di complicazioni più alto. Se contratto in gravidanza provoca l’aborto in circa il 20% dei casi, mentre non ci sono studi che dimostrino la relazione tra morbillo e malformazioni del feto. Tra le complicazioni possibili: otite media, broncopolmonite, meningoencefalite e panencefalite sclerosante sub acuta.

Lo sapevi che?

Il bambino può trasmettere il morbillo dal quinto-ottavo giorno successivo al momento del suo contagio fino a cinque giorni dopo la comparsa dell’esantema.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti