Obesità e tumori: più colpiti i giovani

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 08/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

A causa dell’obesità si abbassa l’età in cui si presentano malattie come tumore al seno o al colon, tipici un tempo dell’età avanzata. Ecco perché

Obesità e tumori: più colpiti i giovani

La correlazione tra obesità e tumori è stata analizzata in diversi studi. Le cause non sono chiarite ma potrebbero essere anche indirette. Gli obesi notoriamente mangiano di più e male e le sostanze contenute nel cibo che ingeriscono potrebbero produrre danni all’organismo ed esporre a un rischio maggiore di ammalarsi.

Rischio per 13 forme tumorali

L’obesità predispone allo sviluppo da giovani dei tumori tipici dell’età avanzata. È quanto sostengono i ricercatori in un nuovo studio su obesità e tumori pubblicato sulla rivista medica Obesity. Secondo gli studiosi della Case Western Reserve University di Cleveland (Usa), alcuni tipi di tumori che, in genere, compaiono nella terza età, si stanno manifestando sempre più precocemente, in concomitanza all’aumento dei casi di obesità infantile. Nella nuova ricerca sono stati analizzati i risultati di più di cento studi scientifici. L’autore, Nathan Berger, ha sottolineato come l’obesità sia fattore di rischio per 13 specifiche forme di tumore e, più precisamente, il tumore al seno e quello al colon-retto, alla tiroide, al fegato e all’esofago. Condizionati anche  il tumore endometriale e il mieloma.

In aumento nelle fasce d’età più basse

In tutti i casi si tratta di neoplasie tipiche dell’età avanzata, ma che oggi si presentano anche nei giovani. Riguardo il tumore al colon-retto, per esempio, negli Usa si registra un aumento medio dell’1,5% annuo dei casi tra i 20 e i 40 anni. Uno studio sul tumore al seno ha evidenziato la progressiva precocità di insorgenza della malattia.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’Organizzazione mondiale della sanità ha definito l’obesità un’epidemia: colpisce 600 milioni di persone al mondo, di cui 6 milioni vivono in Italia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti