Polmonite ab ingestis nel neonato: attenzione ai campanelli di allarme

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 25/02/2019 Aggiornato il 25/02/2019

La polmonite ab ingestis viene innescata dall’inalazione di materiali estranei, compreso il latte, che possono risultare dannosi o stimolare una risposta infiammatoria

Polmonite ab ingestis nel neonato: attenzione ai campanelli di allarme

La polmonite è una patologia infiammatoria che colpisce i polmoni. Generalmente è determinata da infezioni batteriche (20-60% dei casi) e virali, mentre più rari sono i quadri di polmoniti fungine o causate da parassiti. A volte, però, può capitare che venga innescata dalla presenza nei polmoni di qualcosa che non dovrebbe esserci, ovvero dall’inalazione all’interno dell’albero tracheobronchiale di materiali estranei (liquidi o solidi) che possono risultare direttamente dannosi per le vie aeree o stimolare una risposta infiammatoria. In questi casi si parla di polmonite ab ingestis, più comunemente nota come  polmonite per aspirazione o per inalazione di corpi estranei.

Quali sono i sintomi

I sintomi che caratterizzano la polmonite ab ingestis sono del tutto simili a quelli della polmonite: dolore al petto, sensazione di mancanza di respiro, respiro affannato o rumoroso, affaticamento, tosse grassa, catarro giallo-verde che può presentare striature di sangue ed essere maleodorante, difficoltà a deglutire, febbre. Particolarmente a rischio sono i neonati e i bambini con meno di 2 anni di età e gli anziani, soprattutto con difficoltà nella deglutizione: è importante rivolgersi subito al medico, soprattutto se i sintomi iniziano dopo che qualcosa è andato di traverso.

La cura

Il trattamento della polmonite ab ingestis dipende dalla gravità dei sintomi, dal livello di salute generale del paziente e dalle cause che l’hanno provocata. Generalmente servono gli antibiotici. Ma può essere anche necessario aspirare/rimuovere eventuali liquidi o corpi estranei solidi inalati.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Con riferimento alla vicenda del piccolo Giacinto di 20 giorni, deceduto pochi giorni fa a causa di una polmonite ab ingestis, va precisato che è una probabilità molto rara, ma comunque possibile, che del latte materno possa raggiungere le vie aeree dando origine a questa patologia. Lo stesso può accadere con qualsiasi altro corpo o liquido estraneo: latte artificiale, tisane, camomilla, pezzetti di cibi solidi, piccole parti di giocattoli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti