Polmonite ab ingestis nel neonato: attenzione ai campanelli di allarme

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 25/02/2019 Aggiornato il 25/02/2019

La polmonite ab ingestis viene innescata dall’inalazione di materiali estranei, compreso il latte, che possono risultare dannosi o stimolare una risposta infiammatoria

Polmonite ab ingestis nel neonato: attenzione ai campanelli di allarme

La polmonite è una patologia infiammatoria che colpisce i polmoni. Generalmente è determinata da infezioni batteriche (20-60% dei casi) e virali, mentre più rari sono i quadri di polmoniti fungine o causate da parassiti. A volte, però, può capitare che venga innescata dalla presenza nei polmoni di qualcosa che non dovrebbe esserci, ovvero dall’inalazione all’interno dell’albero tracheobronchiale di materiali estranei (liquidi o solidi) che possono risultare direttamente dannosi per le vie aeree o stimolare una risposta infiammatoria. In questi casi si parla di polmonite ab ingestis, più comunemente nota come  polmonite per aspirazione o per inalazione di corpi estranei.

Quali sono i sintomi

I sintomi che caratterizzano la polmonite ab ingestis sono del tutto simili a quelli della polmonite: dolore al petto, sensazione di mancanza di respiro, respiro affannato o rumoroso, affaticamento, tosse grassa, catarro giallo-verde che può presentare striature di sangue ed essere maleodorante, difficoltà a deglutire, febbre. Particolarmente a rischio sono i neonati e i bambini con meno di 2 anni di età e gli anziani, soprattutto con difficoltà nella deglutizione: è importante rivolgersi subito al medico, soprattutto se i sintomi iniziano dopo che qualcosa è andato di traverso.

La cura

Il trattamento della polmonite ab ingestis dipende dalla gravità dei sintomi, dal livello di salute generale del paziente e dalle cause che l’hanno provocata. Generalmente servono gli antibiotici. Ma può essere anche necessario aspirare/rimuovere eventuali liquidi o corpi estranei solidi inalati.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Con riferimento alla vicenda del piccolo Giacinto di 20 giorni, deceduto pochi giorni fa a causa di una polmonite ab ingestis, va precisato che è una probabilità molto rara, ma comunque possibile, che del latte materno possa raggiungere le vie aeree dando origine a questa patologia. Lo stesso può accadere con qualsiasi altro corpo o liquido estraneo: latte artificiale, tisane, camomilla, pezzetti di cibi solidi, piccole parti di giocattoli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti