Problemi alla tiroide? Attenzione a cuore, umore e fertilità

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 28/06/2019 Aggiornato il 28/06/2019

Molti non lo sanno, ma la tiroide controlla molte funzioni. Ecco perché quando lavora male, potrebbero subentrare tanti disturbi diversi

Problemi alla tiroide? Attenzione a cuore, umore e fertilità

Stanchezza e aumento di peso: sono questi i due sintomi che più frequentemente le persone riconducono ai problemi alla tiroide. In realtà, non sono così comuni e nemmeno così scontati. E sicuramente non sono gli unici: la tiroide è una ghiandola molto importante del corpo umano e controlla funzioni diverse. Ecco perché se non lavora correttamente, possono subentrare conseguenze a più livelli, anche inaspettate, come quelle a carico del cuore, dell’umore e della fertilità. Lo hanno ricordato recentemente gli esperti della Società Europea di Endocrinologia.

I legami con l’apparato cardiovascolare

Che la tiroide abbia dei legami con l’attività del cuore lo dimostra il fatto che in caso di ipotiroidismo, ossia di ridotto funzionamento della ghiandola, si può essere soggetti a rallentamento del battito, riduzione dell’attività cardiaca e pressione bassa. Al contrario, quando compare ipertiroidismo, cioè quando la ghiandola lavora troppo e secerne molti ormoni, spesso subentrano tachicardia e cardiopalmo. Studi recentissimi confermano che chi soffre di problemi alla tiroide è più soggetto a ipertensione, ostruzione delle arterie e angina. Ma non è finita qui. L’aumento del battito cardiaco connesso con l’ipertiroidismo è considerato, infatti, un fattore di rischio per la fibrillazione atriale: una patologia che presenta la possibilità che frammenti di placche aterosclerotiche si stacchino dai vasi e raggiungano il cervello, causando un ictus.

Diminuisce le probabilità di avere figli

Pochi lo sanno, ma la tiroide influisce anche sulle possibilità di una donna di rimanere incinta. Gli ormoni tiroidei, infatti, partecipano al controllo dell’apparato riproduttivo e dell’ovulazione. Ecco perché se la ghiandola lavora poco o male, la coppia potrebbe avere difficoltà ad avere figli. Purtroppo, spesso, il legame fra tiroide e fertilità femminile è misconosciuto o sottovalutato. “Questo porta talvolta a un allungamento dei tempi della diagnosi di ipotiroidismo e a ricorrere a tecniche di fecondazione assistit) che non sarebbero necessarie. I diversi disturbi tiroidei interessano una donna su 10, ma il 60% non è consapevole di avere un problema e quindi non riceve un trattamento adeguato” ha spiegato all’Ansa AnnaMaria Formenti, specialista in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, UniversitàVita e Salute San Raffaele.

Aumentano ansia e irritabilità

Infine, anche l’umore basso e l’ansia potrebbero essere legati a problemi alla tiroide. “Disforia, ansia, irritabilità, labilità emotiva e compromissione della concentrazione costituiscono i classici sintomi neuropsichiatrici che si verificano nell’ipertiroidismo o nella tireotossicosi” ha confermato il professor Andrea Giustina, Presidente della Società Europea di Endocrinologia.

 

 

 

Da sapere!

Le malattie tiroidee sono più comuni nel sesso femminile. Ma non compaiono solo nelle donne: è in aumento il numero di adolescenti che manifestano patologie tiroidee. E nemmeno i ragazzini maschi ne sono immuni.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti