Psoriasi: si cura con il farmaco della felicità

Luce Ranucci Pubblicato il Aggiornato il 05/11/2018

Un nuovo farmaco biologico potrà curare la psoriasi in sole due settimane, eliminando completamente il prurito e i segni sulla pelle

Un nuovo farmaco biologico contro la psoriasi è l’ultima speranza contro questa malattia, più diffusa di quanto si creda. Data la complessità dei fenomeni infiammatori alla base delle manifestazioni cutanee, da anni sono in corso studi i per riuscire a combattere questa patologia cronica invalidante che, in alcuni casi, può anche compromettere le attività quotidiane, creando difficoltà anche a livello psicologico. Spesso, infatti, convivere con la psoriasi comporta  anche uno “stigma sociale”, specialmente a causa della falsa credenza della possibilità di contagio.

Lo Studio PsoClear

Secondo lo studio Report PsoClear, presentato al 27° Congresso della European Academy of Dermatology and Venereology, il nuovo farmaco biologico contro la psoriasi brodalumab offre maggiori probabilità di guarigione restituendo al paziente una cute libera da lesioni. Il Report ha preso in esame un campione di oltre 4.300 pazienti. In base ai dati diffusi, i pazienti trattati con il brodalumab hanno ottenuto un miglioramento evidente già dopo quindici giorni di terapia: un grande beneficio sia fisico sia psicologico. Inoltre, la pelle è risultata completamente libera da lesioni e senza alcun segno della malattia nel 75% per cento delle persone coinvolte nella sperimentazione dopo un anno. Gli ultimi dati sul brodalumab sono particolarmente interessanti sia per i medici, sia per pazienti, perché mostrano il risultato che il trattamento ottiene sul corpo in generale oltre che su piccole aree specifiche.

“L’indice di felicità” secondo PsoClear

Secondo il Report PsoClear, che ha anche calcolato l’indice di felicità dei pazienti affetti da psoriasi in Europa, in collaborazione con the Happiness Research Institute, le persone che convivono con la malattia potrebbero essere, in media, il 49% più felici con una pelle completamente libera da lesioni e sintomi fastidiosi come prurito e desquamazione. È stato evidenziato che tre pazienti su quattro, sono convinti che ottenere una pelle libera da segni permetterebbe loro di vivere più serenamente e di avere una qualità della vita migliore.  

Rischio depressione

All’inizio la psoriasi colpisce i gomiti, dietro le ginocchia, la nuca e tra i capelli. Con il passare del tempo le chiazze diventano più estese e provocano un forte prurito.  La psoriasi rappresenta un problema dai risvolti gravi in un terzo dei casi e  rischia di mandare in depressione più del 30% delle persone affette. Anche se le cause non sono ancora chiare, i pazienti sono a rischio di sviluppare una crescente morbilità che ne condiziona pesantemente la qualità di vita.

 

 
 
 

Da sapere!

Il nuovo farmaco biologico contro la psoriasi è stato approvato in Europa dall’Ema e prossimamente dopo l’approvazione dell’Aifa, sarà messo sul mercato.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti