Scabbia nei bambini: ecco come riconoscerla e curarla

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/04/2014 Aggiornato il 01/04/2014

La Sitip, la Società italiana di infettivologia pediatrica, lancia l’allarme sulla scabbia a scuola, più diffusa di quanto si pensi. Ecco come prevenirla e trattarla

Scabbia nei bambini: ecco come riconoscerla e curarla

Quando i bambini frequentano una comunità scolastica, dall’asilo alla scuola, il pericolo di contagio con microrganismi dannosi è sempre elevatissimo. Si parla spesso di pidocchi e vermi, ma anche la scabbia sta diventando sempre più diffusa. Anche tra i bambini.

È provocata da un acaro

La Sitip, Società italiana di infettivologia pediatrica, ha lanciato l’allarme su varie malattie infettive diffuse nelle scuole di ogni ordine e grado in Italia, tra cui anche la scabbia. Questa viene definita una malattia “parassitaria”, proprio perché è causata da un acaro parassita e si trasmette per contatto diretto cute-cute.

Intenso prurito e macchie

La scabbia inizia a farsi “sentire” con macchie rosse e un intenso prurito, soprattutto notturno. Sono i microscopici acari che si annidano nello strato superficiale della pelle per deporre le uova. Nei bambini al di sotto dei due anni, l’eruzione sulla pelle è spesso vescicolare (si formano cioè delle piccole macchie con una sorta di liquido all’interno) alla testa, collo, palmo delle mani e pianta dei piedi. Nei bambini più grandi e negli adulti vengono colpite in modo particolare le pieghe interdigitali (tra dito e dito), la zona dei polsi, gomiti e le pieghe ascellari. L’incubazione è di solito di 4-6 settimane.

Serve un trattamento specifico

Una volta che il pediatra ha accertato che si tratti di scabbia, occorre iniziare il trattamento specifico con una crema o lozione medicata per uccidere gli acari della scabbia. È necessario applicare la crema sulla pelle di tutto il corpo, e non solo sull’area che presenta l’eruzione. Di solito la crema deve rimanere sulla pelle da 8 a 12 ore prima di poterla lavare via ed è necessario ripetere il trattamento dopo una settimana. La contagiosità del bambino dura fino alla distruzione completa degli acari e delle uova.

In breve

ATTENZIONE ALLE LESIONI

In caso di contagio con la scabbia, occorre fare attenzione al contatto con le lesioni o comunque con la cute infetta del bambino e lavare accuratamente ad alte temperature le lenzuola e i capi d’abbigliamento. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti