Scabbia nei bambini: ecco come riconoscerla e curarla

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/04/2014 Aggiornato il 01/04/2014

La Sitip, la Società italiana di infettivologia pediatrica, lancia l’allarme sulla scabbia a scuola, più diffusa di quanto si pensi. Ecco come prevenirla e trattarla

Scabbia nei bambini: ecco come riconoscerla e curarla

Quando i bambini frequentano una comunità scolastica, dall’asilo alla scuola, il pericolo di contagio con microrganismi dannosi è sempre elevatissimo. Si parla spesso di pidocchi e vermi, ma anche la scabbia sta diventando sempre più diffusa. Anche tra i bambini.

È provocata da un acaro

La Sitip, Società italiana di infettivologia pediatrica, ha lanciato l’allarme su varie malattie infettive diffuse nelle scuole di ogni ordine e grado in Italia, tra cui anche la scabbia. Questa viene definita una malattia “parassitaria”, proprio perché è causata da un acaro parassita e si trasmette per contatto diretto cute-cute.

Intenso prurito e macchie

La scabbia inizia a farsi “sentire” con macchie rosse e un intenso prurito, soprattutto notturno. Sono i microscopici acari che si annidano nello strato superficiale della pelle per deporre le uova. Nei bambini al di sotto dei due anni, l’eruzione sulla pelle è spesso vescicolare (si formano cioè delle piccole macchie con una sorta di liquido all’interno) alla testa, collo, palmo delle mani e pianta dei piedi. Nei bambini più grandi e negli adulti vengono colpite in modo particolare le pieghe interdigitali (tra dito e dito), la zona dei polsi, gomiti e le pieghe ascellari. L’incubazione è di solito di 4-6 settimane.

Serve un trattamento specifico

Una volta che il pediatra ha accertato che si tratti di scabbia, occorre iniziare il trattamento specifico con una crema o lozione medicata per uccidere gli acari della scabbia. È necessario applicare la crema sulla pelle di tutto il corpo, e non solo sull’area che presenta l’eruzione. Di solito la crema deve rimanere sulla pelle da 8 a 12 ore prima di poterla lavare via ed è necessario ripetere il trattamento dopo una settimana. La contagiosità del bambino dura fino alla distruzione completa degli acari e delle uova.

In breve

ATTENZIONE ALLE LESIONI

In caso di contagio con la scabbia, occorre fare attenzione al contatto con le lesioni o comunque con la cute infetta del bambino e lavare accuratamente ad alte temperature le lenzuola e i capi d’abbigliamento. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti