Scabbia: sintomi e cura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/07/2015 Aggiornato il 17/07/2015

La scabbia è una malattia della pelle molto comune e perfettamente curabile. Non bisogna quindi farsi prendere dal panico. Ecco come identificarla e curarla

Scabbia: sintomi e cura

A dispetto di quanto pensano in molti, la scabbia è una malattia della pelle molto comune. Basti pensare che negli ultimi decenni la sua incidenza è aumentata in maniera vertiginosa. Fortunatamente, è anche una problematica facilmente curabile. Ecco in che modo.

È una malattia cutanea

La scabbia è una malattia cutanea causata dallo Sarcoptes scabiei, un piccolo parassita che si annida nello strato corneo dell’epidermide (lo strato più superficiale della pelle) e che è esclusivo dell’uomo. Si trasmette principalmente tramite il contatto diretto con la pelle di una persona infetta. Più il contatto è prolungato e più anche le probabilità di ammalarsi a propria volta aumentano. Seppur più raramente, ci si può infettare anche entrando in contatto con oggetti contaminati, come asciugamani o giocattoli.

Causa un forte prurito

Dopo un periodo di incubazione che dura dalle quattro alle sei settimane, la scabbia inizia a manifestarsi. Il sintomo più caratteristico è rappresentato dal prurito, soprattutto notturno: il parassita, infatti, è in grado di scavare delle piccole gallerie nell’epidermide dove ogni giorno depone diverse uova. Ecco perché la persona avverte l’irrefrenabile desiderio di grattarsi. L’acaro responsabile della malattia predilige le aree più calde e più protette della pelle, come ascelle, mani e genitali. Questo spiega anche perché è più attivo di notte: il caldo del letto lo risveglia. Con il passare del tempo, possono formarsi anche piccole pustole, coperte da crosticine.

Colpisce soprattutto i bambini

Negli ultimi anni, si è registrata un’impennata dei casi di malattia. Secondo i dati riferiti al 2009, in quell’anno a essere affette dalla scabbia erano all’incirca 200 milioni di persone in tutto il mondo. In Italia, se negli anni 1989-2000 i casi erano 3 mila, nel 2003 erano già saliti a 5 mila. I soggetti più colpiti sono quelli che abitano in condizioni di scarsa igiene e in luoghi affollati. Per quanto riguarda la fascia d’età, i più vulnerabili sono i bambini. E, infatti, l’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la scabbia fra le tre infezioni più comuni della pelle che si verificano in età infantile.

Si cura con farmaci antiparassitari

La scabbia è una malattia fastidiosa e decisamente anti-estetica, però, non è preoccupante e può essere curata con facilità. Il medico, in genere, prescrive cure a base di antiparassitari. In commercio si trovano prodotti sottoforma di lozione o crema.  Per esempio, sono molto efficaci le creme al benzoato di benzile che vanno applicate per tre giorni; dopo una settimana si ripete l’applicazione per eliminare le uova. Ogni prodotto comunque prevede modalità e tempi diversi. Molto usati anche i medicinali a base di permetrina, che solitamente, nei casi meno gravi, richiedono una sola somministrazione.

 

 

In breve

VA TRATTATA TUTTA LA FAMIGLIA

Perché la cura contro la scabbia sia efficace, è fondamentale trattare tutta la famiglia. Solo in questo modo, infatti, si riesce a interrompere il ciclo di contagio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti