Sifilide in aumento: allarme malattie sessualmente trasmesse

Laura Raimondi
A cura di Laura Raimondi
Pubblicato il 12/09/2018 Aggiornato il 12/09/2018

Crescono i casi di sifilide e ai controlli sanitari sfuggono le infezioni non accertate

Sifilide in aumento: allarme malattie sessualmente trasmesse

Malattie a trasmissione sessuale che si pensava fossero ormai debellate sono oggi in costante e preoccupante aumento: in particolare sifilide, gonorrea, clamidia e condilomatosi.

Trend in crescita

La diffusione di queste malattie sessuali è dovuta alla facilità di trasmissione. Le statistiche, infatti, tracciano un’espansione notevole dal 2010 a oggi. Come spiega il dottor Gianmarino Vidoni, direttore dell’UOC malattie a trasmissione sessuale ATS-città metropolitana di Milano, per quanto riguarda la sifilide “nel primo trimestre del 2018 siamo già a 100 casi notificati”, mentre per la gonorrea “nel 2010 erano 94, nel 2017 sono saliti a 296”. Questi sono i dati accertati, senza contare il sottobosco di chi non si reca in ospedale, nonostante viga l’obbligo di notifica per le malattie a trasmissione sessuale di questo tipo. Oggi la maggior parte dei casi di sifilide, per esempio, viene accertata casualmente.

Difficile stimare l’entità del problema

Sempre secondo Vidoni, in passato non c’è stata una sufficiente attenzione per la corretta notifica di queste malattie e oggi i nuovi sistemi di sorveglianza sono ancora in fase preliminare. Il problema della sottonotifica, quindi, permane e risulta difficile stimare l’entità globale del problema. Sarebbe opportuno, consigliano gli esperti, attuare campagne di prevenzione sul corretto utilizzo del preservativo e sull’importanza dei test per una diagnosi precoce. Per il dottor Antonio Muscatello, infettivologo dell’ospedale Maggiore Policlinico di Milano, il più grande ostacolo alla prevenzione è la sottostima del rischio, che induce a considerare queste patologie come “lontane dalla nostra realtà e incapaci di poterci riguardare”.

La possibilità dell’opt-out

Una possibile soluzione, suggerita dal professor Stefano Rusconi dell’ospedale Sacco di Milano, potrebbe essere il cosiddetto “opt-out”, ovvero la possibilità, per chiunque debba subire un intervento in ospedale, di poter usufruire di un pacchetto a basso costo di test sierologici, in particolare per Hiv e sifilide. Attualmente vige l’opt-in, un test volontario per accertare la presenza di malattie a trasmissione sessuale, mentre in futuro, attraverso l’opt-out con previo consenso del paziente, questi test potrebbero essere eseguiti in automatico.

 

 

Lo sapevi che?

La Lombardia è la regione italiana in assoluto più colpita, con circa il 50% delle segnalazioni totali di casi di sifilide.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti