Tumore al fegato: colpa anche della scarsa igiene orale?

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 27/08/2019 Aggiornato il 27/08/2019

Secondo uno studio le cattive condizioni di salute della bocca aumentano del 75% il rischio di tumore al fegato. Ecco perché

Tumore al fegato: colpa anche della scarsa igiene orale?

La scarsa igiene orale potrebbe essere associata al tumore al fegato. Dai risultati di uno studio condotto dai ricercatori della Queen’s University di Belfast, pubblicato anche sulla rivista United European Gastroenterology Journal , è, infatti, emerso che una cattiva salute della bocca non è associata solo a diabete e malattie cardiache ma può predisporre anche allo sviluppo del carcinoma epatocellulare.

La ricerca su oltre 450.000 persone

Gli studiosi hanno esaminato 469.000 pazienti del Regno Unito per capire se esistesse un legame tra la scarsa igiene orale e la formazione di tumori dell’apparato digerente come tumore al fegato, al colon-retto e al pancreas. Durante il periodo del test più di 4.000 persone sono state affette da carcinomi del tratto digerente, di queste il 13% soffriva anche di problemi al cavo orale, in particolar modo le donne giovani che non consumavano la dose giornaliera raccomandata di frutta e verdura. I risultati del test avrebbero dimostrato come il carcinoma epatocellulare sarebbe la forma più comune di tumore al fegato, oltre a essere quello maggiormente associato alla salute orale, con un rischio del 75% superiore di contrarre questa patologia.

Il ruolo dell’alimentazione

Un fattore determinante, che potrebbe contribuire allo sviluppo del tumore al fegato, è costituito dall’alimentazione, in particolare nei soggetti con una salute della bocca molto compromessa. Ma non sono da sottovalutare anche altri due fattori: lo stato socio-economico e il consumo di alcol e fumo.

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il carcinoma epatocellulare è un tumore maligno che ha origine negli epatociti, le principali cellule del fegato. I fattori di rischio scatenanti sono soprattutto le infezioni da virus dell’epatite B e C.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti