Tumore al seno: scoperta una nuova causa

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 24/04/2020 Aggiornato il 24/04/2020

Il fattore di crescita IGF-1 potrebbe aumentare il rischio di sviluppare il tumore al seno. Ecco perché

Tumore al seno: scoperta una nuova causa

Periodicamente medici e ricercatori compiono piccoli passi avanti nella lotta al tumore al seno. Una delle ultime scoperte riguarda il possibile ruolo della molecola IGF-1 nello sviluppo di questa malattia così diffusa nel sesso femminile (ma presente anche negli uomini, ma fortunatamente sempre meno letale.

Che cos’è l’IGF-1

 L’IGF-1 è il fattore di crescita insulino simile -1 (IGF-1), una molecola che gioca un ruolo cruciale nel modulare la durata della nostra vita. Si tratta di una sostanza molto studiata perché sospettata di favorire varie malattie e anche la crescita delle cellule tumorali. Fino a oggi, però, non era mai stato dimostrato in modo inequivocabile un suo ruolo diretto nel causare un tumore. Ora nuove informazioni arrivano da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori, dell’International Agency for Research on Cancer  (IARC) e dall’University of Oxford, pubblicato sugli Annals of Oncology.

Lo studio su oltre 200.000 donne inglesi

La ricerca è stata condotta su 206.263 donne della Gran Bretagna. Gli autori le hanno seguite per sette anni, monitorando il loro stato di salute attraverso esami e controlli di vario tipo, in particolare mirati a individuare l’eventuale comparsa di un tumore al seno. Nella prima parte dello studio, gli epidemiologi hanno anche misurato il livello di IGF-1  nel sangue di tutte le partecipanti. Lo scopo era capire se fra alte concentrazioni di questa molecola e rischio di sviluppare un tumore al seno c’è una correlazione.

Le correlazioni emerse

Analizzando tutti i dati raccolti, gli esperti hanno scoperto che 4.360 donne hanno sviluppato un tumore al seno nel corso dello studio. Ebbene, si è visto che le donne più a rischio erano proprio quelle con elevati livelli di IGF-1: nel dettaglio, si sono ammalate 26 donne su 1.000 tra quelle con alte concentrazioni della molecola, contro 20 su 1.000 donne con basse concentrazioni della molecola.

Esaminato anche il Dna

Nella seconda parte dello studio, gli autori hanno sottoposto le donne ad alcune analisi genetiche. Lo scopo era esaminare il loro Dna per verificare se esistono geni in grado di alterare la quantità di IGF-1 nel sangue. Hanno così scoperto che effettivamente alcune donne erano geneticamente predisposte ad avere alti livelli della molecola. Ebbene, queste stesse donne erano anche quelle più a rischio di tumore al seno. Gli esperti hanno concluso che questo studio suggerisce che il IGF-1 ha un probabile ruolo nel causare questa malattia.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Al momento l’unico esame indicato per identificare in maniera precoce il tumore al seno è la mammografia  (ed eventualmente l’ecografia). È possibile, però, che in futuro avremo a disposizione test capaci di predire il rischio di sviluppare la malattia, forse anche basati sulla misurazione del livello di  IGF-1.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti