Tumore alla bocca: tra le cause anche le carie dentali

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 27/09/2019 Aggiornato il 27/09/2019

L’importanza di una corretta igiene del cavo orale, sin da bambini, aiuta a scongiurare il rischio di ammalarsi di tumore alla bocca

Tumore alla bocca: tra le cause anche le carie dentali

Le carie dentali sono ancora tra i maggiori problemi sanitari nei Paesi industrializzati, dove interessano dal 60 al 90 per cento dei bambini in età scolare e la maggior parte degli adulti. È anche emerso un importante legame fra questa malattia dei denti e il rischio di ammalarsi di tumore alla bocca.

Sotto accusa fumo, alcol e dieta

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet. La situazione sarebbe destinata a peggiorare a causa di fumo, consumo eccessivo di alcol e alto apporto di carboidrati nella dieta. Gli studiosi della University College London lanciano l’allarme anche per quanto riguarda i casi di malattie parodontali e del tumore alle labbra. Questa condizione avrebbe delle conseguenze sia sui bilanci delle famiglie, sia sulle casse dei servizi sanitari degli Stati.

Parola d’ordine: prevenzione

Secondo gli autori, per migliorare la situazione, per prima cosa, si dovrebbe garantire l’accesso alle cure dentali() a un maggior numero di persone. Inoltre si dovrebbe promuovere l’importanza della salute orale al pari del resto del corpo. Secondo Richard Watt, principale firmatario dello studio, la prevenzione passa prima di tutto dalla riduzione del consumo di zucchero, imputato principale delle malattie della bocca. Buona abitudine è controllare regolarmente il cavo orale; bisognerebbe recarsi dal dentista per la pulizia e la cura dei denti almeno una volta all’anno.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I batteri dei denti possono causare l’infiammazione del cavo orale, indeboliscono il sistema immunitario e aumentano il rischio di ammalarsi di tumore ala bocca.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti