Tumori gastrici, cure personalizzate migliorano la prognosi

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 12/10/2020 Aggiornato il 12/10/2020

Approcci su misura per curare ogni paziente permetterebbero di agire in modo mirato sui tumori gastrici, che sono la terza causa di morte per cancro al mondo

Tumori gastrici, cure personalizzate migliorano la prognosi

A livello mondiale, i tumori gastrici sono il quinto tumore maligno più comune, nonché la terza causa di morte per cancro. Il perché di questi tristi primati è da ricercare in particolar modo in diagnosi tardive e trattamenti che risultano spesso inefficaci. Per provare a ridimensionare la statistica attorno a questa tipologia di tumore è stato avviato uno studio internazionale. Rinominato Grammy, il progetto è coordinato dall’Irccs Tumori della Romagna (Irst) e si avvale delle conoscenze di centri di ricerca e università italiani, francesi e greci.

Dati incrociati

Lo scopo della ricerca è quello di andare a ricercare strumenti analitici in grado di comprendere la capacità di risposta dell’organismo di ogni singolo paziente alle cure contro i tumori gastrici. Per fare questo, gli studiosi integrano le modalità di ricerca utilizzate normalmente con ricerca traslazionale e psico-sociologica, così da poter sviluppare e rendere più efficaci strumenti atti a distinguere con maggiore anticipo i malati in grado di rispondere e quelli ad alto rischio di resistenza alle cure contro il tumore.

Il paziente al “centro”

Diretto dalla biologa del Laboratorio di Bioscienze IRST, Chiara Molinari, il progetto Grammy va a incrociare tutte quelle informazioni capaci di influenzare la capacità di ogni singolo paziente di rispondere, o meno, alle cure. Infatti, l’iter prevede che le informazioni biologiche ricavate dallo studio specifico della conformazione cellulare e molecolare del tumore di ogni paziente, vengano incrociate con le sue caratteristiche cliniche e psico-sociologiche ricavate da specifici questionari. Incrociando i dati, i medici riescono ad avere un quadro completo del paziente, facilitando la ricerca di un percorso di cura mirato e personalizzato contro i tumori gastirici.

Un progetto innovativo

Come sottolineato dal direttore Scientifico dell’Irst, Giovanni Martinelli, il progetto Grammy è quanto di più innovativo si possa offrire oggi a chi viene colpito da tumori gastrici. Confrontando i dati ricavati dalle più recenti tecnologie diagnostiche con quelli personalizzati dedotti con i migliori parametri prognostici è possibile creare terapie ad hoc per ogni paziente. Un approccio, spiega Martinelli, che spesso è possibile attuare solo presso l’Irst.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Grammy è finanziato dal programma dell’Unione Europea per lo sviluppo della medicina personalizzata ERA PerMed.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti