Altri 300 milioni di bimbi vaccinati entro il 2025

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 18/10/2019 Aggiornato il 18/10/2019

Nuova campagna dell'Alleanza per i vaccini Gavi. Obiettivo: salvare 8 milioni di vite con i bimbi vaccinati

Altri 300 milioni di bimbi vaccinati entro il 2025

L’obiettivo è arrivare ad altri 300 milioni di bimbi vaccinati tra il 2021 e il 2025, salvando fino a otto milioni di vite. Per questo l’Alleanza per i vaccini Gavi ha lanciato una nuova campagna di raccolta fondi, invitando i propri donatori a sostenere i piani vaccinali per garantire l’immunizzazione da 18 malattie a favore di diverse popolazioni in via di sviluppo.

Investimento più che raddoppiato

Un piano di vaccinazioni che porterà il numero totale di bimbi vaccinati a 1,1 miliardi, e che vedrà un investimento nei propri programmi di vaccinazione da parte dei governi dei Paesi in via di sviluppo più che raddoppiato rispetto al precedente quadriennio, con un totale di 3,6 miliardi di dollari rispetto a 1,6 miliardi di dollari nel 2016-2020. Il piano di investimento 2021-25 è stato lanciato in occasione della settima conferenza internazionale sullo sviluppo africano TICAD (Tokyo International Conference on African Development) ospitata dal governo giapponese.

Diciotto vaccini

Gavi a partire dal 2000 ha supportato la somministrazione di sei vaccini di base a diverse popolazioni in via di sviluppo, immunizzando oltre 760 milioni di persone da malattie potenzialmente mortali e salvando oltre 13 milioni di vite. Entro il 2025 il pacchetto di vaccini offerti salirà a 18, tra cui il vaccino contro la poliomielite, la rabbia, la meningite, nonché contro altre patologie come l’Ebola, le malattie infantili, il papillomavirus umano (HPV), il colera e la febbre gialla, con l’obiettivo di vaccinare altri 300 milioni di bambini e salvare altri 8 milioni di vite, portando il totale dei bimbi vaccinati a 1,1 miliardi e il totale di vite salvate a circa 22 milioni.

In Ghana mortalità dimezzata in 20 anni

“Negli ultimi due decenni Gavi ha dato un enorme contributo alla salute dei bambini del Ghana: i casi di malattie come il morbillo, la pertosse e la rosolia sono scesi quasi a zero e la mortalità infantile si è dimezzata”, ha affermato Nana Akufo-Addo, Presidente della Repubblica del Ghana. “Gran parte di questi progressi è dovuto al potere dell’immunizzazione e al lavoro dell’Alleanza, che ci ha sostenuto in quanto abbiamo portato vaccini salvavita in ogni parte del Paese. Ora è il momento per tutti noi di aiutare l’Alleanza vaccinale a continuare la sua missione per assicurarsi che ogni bambino abbia accesso all’immunizzazione e a una buona salute”.

 

Da sapere!

I Paesi supportati da Gavi investiranno circa 3,6 miliardi di dollari nei propri programmi vaccinali, pari al 41% della spesa totale, mentre Gavi investirà i restanti 5,3 miliardi di dollari. Una strategia che mira a raggiungere le comunità meno coinvolte come quelle delle baraccopoli urbane e delle aree remote o situate in contesti di conflitto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti