Vaccinazione anti-Haemophilus influentiae tipo B obbligatoria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 21/11/2019

Anti-Haemophilus influentiae di tipo B, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino dalla meningite batterica

Vaccinazione anti-Haemophilus influentiae tipo B obbligatoria

Da quale malattia protegge

L’haemophilius influentiae di tipo B colpisce soprattutto i bimbi piccoli ed è ritenuto responsabile della meningite batterica. Può però provocare anche malattie come artrite, otite, polmonite e setticemia, un’infezione batterica molto seria. Questa vaccinazione non rientra tra le obbligatorie, ma ormai quasi tutti i bambini vengono vaccinati contro questo pericolosissimo batterio.

Il vaccino

La vaccinazione viene effettuata insieme alle vaccinazioni obbligatorie (anti difterica, anti tetanica, anti epatite B). Le dosi sono tre (a 3, 5 e 12 mesi) se il vaccino viene effettuato durante il primo anno di vita del bimbo. Se, invece, il bambino ha più di dodici mesi, è sufficiente una dose unica per ottenere la totale copertura.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti