Vaccinazione anti-Haemophilus influentiae tipo B obbligatoria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 21/11/2019

Anti-Haemophilus influentiae di tipo B, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino dalla meningite batterica

Vaccinazione anti-Haemophilus influentiae tipo B obbligatoria

Da quale malattia protegge

L’haemophilius influentiae di tipo B colpisce soprattutto i bimbi piccoli ed è ritenuto responsabile della meningite batterica. Può però provocare anche malattie come artrite, otite, polmonite e setticemia, un’infezione batterica molto seria. Questa vaccinazione non rientra tra le obbligatorie, ma ormai quasi tutti i bambini vengono vaccinati contro questo pericolosissimo batterio.

Il vaccino

La vaccinazione viene effettuata insieme alle vaccinazioni obbligatorie (anti difterica, anti tetanica, anti epatite B). Le dosi sono tre (a 3, 5 e 12 mesi) se il vaccino viene effettuato durante il primo anno di vita del bimbo. Se, invece, il bambino ha più di dodici mesi, è sufficiente una dose unica per ottenere la totale copertura.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti