Vaccinazioni raccomandate: Anti Meningococco C

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 25/11/2019

Anti Meningococco C, vaccinazione raccomandata per proteggere il tuo bambino dal Neisseria meningitidis, un batterio che causa la meningite

Vaccinazioni raccomandate: Anti Meningococco C

Da quale malattia protegge

Il meningococco (Neisseria meningitidis) è un batterio diffuso in tutto il mondo: vi sono 13 sierotipi differenti, ma solo i sierotipi A, B, C, W135 e Y sono frequente causa di malattia meningococcica (meningite).

Il vaccino

Esistono due tipi di vaccino:

  • coniugato, con il sierotipo C: protegge solo contro il meningococco di tipo C, il più frequente in Italia. Può essere somministrato anche ai bambini piccoli (3 mesi di vita). È prevista la somministrazione tra i 13 e i 15 mesi insieme alle altre vaccinazioni morbilloparotiterosolia. È consigliabile anche negli adolescenti non immunizzati.
  • polisaccaridico, con i sierotipi A, C, W135, Y: protegge oltre che contro il tipo C anche verso altri tipi che sono però poco frequenti in Italia. Questo vaccino non è in grado di stimolare le difese immunitarie nei bambini di età inferiore ai due anni. Ideale se si deve andare all’estero.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti