Vaccinazioni raccomandate – Anti Pneumococco

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 21/11/2019

Anti Pneumococco, vaccinazione raccomandata per proteggere il tuo bambino dalla meningite, malattia che provoca infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello

Vaccinazioni raccomandate – Anti Pneumococco

Da quale malattia protegge

Lo pneumococco causa otite, sinusite e polmonite nel bambino. Inoltre, è responsabile di forme gravi ed invasive, quali la setticemia (un’infezione del sangue) e una forma di meningite (che è un’infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello).

Il vaccino

Sono disponibili 2 vaccini:

  • “coniugato” (legato cioè ad una proteina per aumentarne l’efficacia) 13-valente (protettivo nei confronti di 13 sottotipi, responsabili della quasi totalità dei casi di meningite e sepsi da pneumococco). È quello più indicato nell’infanzia ed è raccomandato: in tutti i nuovi nati in 3 dosi al 3°, 5°e 11-13°mese di vita; nei bambini di età compresa fra i 12 e i 23 mesi: due dosi con intervallo di almeno 2 mesi fra le dosi; nei bambini di età compresa fra i 2 a i 5 anni: una dose singola;
  • 23-valente, utilizzabile solo nei bambini di oltre 2 anni d’età e negli adulti.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti