Vaccinazione antirosolia obbligatoria

Antirosolia, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino dal Rubivirus, che provoca macchie rosse e rigonfiamento dei linfonodi

Da quale malattia protegge

Anche la rosolia fa parte delle malattie esantematiche dell’infanzia. Praticamente innocua nei bambini, può causare serie conseguenze al feto se contratta in gravidanza. I sintomi sono, oltre alla febbre, la comparsa di macchie rosse sulla pelle, e il rigonfiamento dei linfonodi. È provocata dal Rubivirus.

Il vaccino

Viene somministrato con un’iniezione nel braccio tra i 12 e i 15 mesi con un richiamo a 11-12 anni ed è efficace anche contro la parotite e il morbillo (si parla infatti di vaccino trivalente). È composto dai tre virus resi inoffensivi.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti