Antibiotici e vaccini: perché bisogna fare attenzione nell’infanzia?

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 10/06/2022 Aggiornato il 15/06/2022

La produzione degli anticorpi contro le malattie per le quali i bambini ricevono i vaccini nell’infanzia si riduce a ogni ciclo di antibiotici. Scoperto un legame tra antibiotici e vaccini nell'infanzia

tra antibiotici e vaccini c'è un legame

L’efficacia protettiva dei vaccini che vengono somministrati nei primi mesi e anni di vita è ridotta nei bambini a cui sono stati somministrati antibiotici. È quanto emerge da uno studio  pubblicato sulla rivista Pediatrics da un gruppo di ricercatori del Rochester General Hospital Research Institute (Rochester, New York) sui vaccini nell’infanzia. Ecco che cosa è stato scoperto sul legame tra antibiotici e vaccini nell’infanzia.

Quali sono i vaccini nell’infanzia?

I ricercatori hanno effettuato le misurazioni degli anticorpi relativi ai vaccini della prima infanzia (difterite, tetano, pertosse, poliomielite, Haemophilus influenzae di tipo b e pneumococco coniugato) sviluppati da 560 bambini. Di tutti i bambini partecipanti allo studio, 342 avevano assunto antibiotici e 218, invece, non avevano mai fatto uso di questa tipologia di farmaco. I ricercatori hanno così potuto rilevare che i livelli di anticorpi indotti dai vaccini nell’infanzia esaminati erano inferiori nei bambini trattati con antibiotici, e che per ogni ciclo di antibiotico assunto dal bambino i livelli di anticorpi contro queste malattie si riducevano ulteriormente.

Quali sono i vaccini del primo anno di vita?

Secondo il Piano nazionale di prevenzione vaccinale nel nostro Paese le vaccinazioni previste per i bambini nel primo anno di vita sono:

  • il vaccino esavalente  contro la difterite, tetano, pertosse, poliomielite, epatite B e le infezioni da Haemophilus influenzae di tipo b. Viene somministrato in tre dosi al terzo, al quinto e al dodicesimo mese di vita
  •  il vaccino pneumococcico-coniugato (PCV) contro le infezioni causate dal batterio Streptococcus pneumoniae. La somministrazione è raccomandata contemporaneamente alla vaccinazione con esavalente, ma in sede anatomica diversa
  •  il vaccino contro il meningococco B (MenB) contro le infezioni causate dal batterio Neisseria meningitidis. Il ciclo vaccinale completo consiste di quattro, tre o due dosi a seconda dell’età di somministrazione della prima dose. Questa vaccinazione è raccomandata per tutti i nuovi nati ed è cruciale iniziarla il prima possibile poiché le malattie causate da questo batterio hanno l’incidenza massima nei primi due anni di vita
  • il vaccino contro il rotavirus, che viene somministrato per via orale ed è raccomandato universalmente a tutti i bambini a partire dalla sesta settimana di vita. Il ciclo vaccinale consiste di 2 o 3 dosi (in base al vaccino utilizzato) e può essere somministrato contemporaneamente agli altri vaccini previsti nei primi mesi di vita
  •  il vaccino anti-influenzale è raccomandato e offerto gratuitamente a partire dai 6 mesi di vita ai bambini a rischio.

Quali sono le vaccinazioni del secondo anno di vita?

Secondo il calendario vaccinale, i bambini nel corso del loro secondo anno di vita possono essere sottoposti alle seguenti vaccinazioni:

  • contro morbillo, parotite e rosolia (MPR) e contro la varicella (V), che vengono somministrate mediante vaccino combinato quadrivalente MPRV, oppure tramite vaccino trivalente MPR e monovalente varicella in diversa sede anatomica (13esimo-15esimo mese di vita)
  •  contro il meningococco C (MenC) che protegge contro le infezioni causate da un sottotipo del batterio Neisseria meningitidis ed è raccomandata tra il 13simo e 15simo mese di vita.

Quali sono le vaccinazioni nel quinto e sesto anno di vita?

Tra il quinto e il sesto anno di vita è il momento del richiamo delle vaccinazioni contro difterite, tetano, pertosse e poliomielite ed è raccomandata la somministrazione della seconda dose del vaccino contro morbillo, parotite, rosolia e varicella.

 

 

 
 
 

In sintesi

Quando rimandare il vaccino nei bambini?

Secondo l’Istituto superiore di Sanità i bambini con sintomi e infezioni lievi come raffreddore, tosse o dolore alle orecchie possono ricevere tutti i vaccini raccomandati, così come chi ha avuto febbre lieve dopo una precedente dose di vaccino o ha una terapia antibiotica o antistaminica in corso. In alcune situazioni, invece, la vaccinazione può essere controindicata temporaneamente e va quindi rimandata, per esempio in caso di infezioni gravi con febbre elevata. Per ogni dubbio si consiglia di consultare il proprio pediatra.

 

Fonti / Bibliografia

  • Antibiotic Use and Vaccine Antibody Levels | Pediatrics | American Academy of Pediatrics10.1542/6298849297001Video AbstractPEDS-VA_2021-0520616298849297001BACKGROUND. The majority of children are prescribed antibiotics in the first 2 years of life while vaccine-induced immunity develops. Researchers have suggested a negative association of antibiotic use with vaccine-induced immunity in adults, but data are lacking in children.METHODS. From 2006 to 2016, children aged 6 to 24 months were observed in a cohort study. A retrospective, unplanned secondary analysis of the medical record regarding antibiotic prescriptions and vaccine antibody measurements was undertaken concurrently. Antibody measurements relative to diphtheria-tetanus-acellular pertussis (DTaP), inactivated polio (IPV), Haemophilus influenzae type b (Hib), and pneumococcal conjugate (PCV) vaccines were made.RESULTS. In total, 560 children were compared (342 with and 218 without antibiotic prescriptions). Vaccine-induced antibody levels to several DTaP and PCV antigens were lower (P < .05) in children given ...
  • Ministero della Salute
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che in seguito alla vaccinazione si possa trasmettere la malattia contro la quale si è stati vaccinati. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti