Meningite: non rinunciare alla vaccinazione

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 23/11/2021 Aggiornato il 23/11/2021

La vaccinazione è l’arma migliore contro la meningite. Per questo, non bisogna rinunciarci, nemmeno in tempo di Covid-19

Meningite: non rinunciare alla vaccinazione

La pandemia di Covid-19 ha avuto numerosi “effetti collaterali”. Fra questi, anche un ritardo nelle vaccinazioni destinate ai bambini, incluse quelle contro la meningite. Basti pensare che un’indagine internazionale realizzata da Ipsos per Gsk ha rilevato che da marzo 2020 a marzo 2021 un genitore su due è stato costretto a rimandare o annullare l’appuntamento per il vaccino contro la meningite. È stato un grave errore perché questa malattia è molto seria e non va mai sottovalutata. Proprio per aumentare la consapevolezza sulla patologia, la Fimp (Federazione italiana medici pediatrici) ha organizzato un evento dal titolo “Meningiti a 360°”.

Una malattia molto seria

La meningite è una malattia infettiva del sistema nervoso centrale che interessa le meningi, le membrane di rivestimento che avvolgono e proteggono il cervello e il midollo spinale. Nella maggior parte dei casi, è causata da virus o batteri: tendenzialmente la forma virale è meno seria, mentre quella batterica può essere molto pericolosa, anche se fortunatamente è più rara. I batteri che sono più frequente causa di meningite sono tre: Neisseria meningitidis (meningococco), Streptococcus pneumoniae (pneumococco), Haemophilus influentiae tipo b (emofilo o Hib). Tutti vengono trasmessi per via aerea, per esempio, tramite goccioline di saliva e starnuti.

La meningite si manifesta con alcuni sintomi: irrigidimento del collo (che però non è sempre presente), febbre alta, vomito, confusione, irritabilità, mal di testa. Se non trattata per tempo, può avere conseguenze molto impattanti.

L’importanza della vaccinazione

Il miglior strumento contro la meningite è rappresentato dalla vaccinazione, che protegge dal rischio di contrarre la malattia. Attualmente esistono tre tipi di vaccino:

– il vaccino coniugato contro il meningococco di sierogruppo C (MenC), che è il più usato e protegge solo dal sierogruppo C;

– il vaccino coniugato tetravalente, che protegge dai sierogruppi A, C, W e Y. È indicato negli adolescenti e in chi viaggi in paesi a rischio. Serve anche da richiamo della vaccinazione contro il meningococco C;

– il vaccino contro il meningococco di sierogruppo B, che protegge esclusivamente contro questo sierogruppo e che viene usato nei bambini con meno di un anno.

Inoltre, esiste una vaccinazione contro l’emofilo tipo b, che in genere è effettuata insieme a quella antitetanica, antidifterica, antipertosse, antipolio e antiepatite B. Anche quella contro lo pneumococco è gratuita per i neonati e nelle persone con più di 65 anni.

Rinunciare alla vaccinazione contro la meningite è “un gravissimo errore” ha spiegato Paolo Biasci, presidente della Fimp. “Far comprendere ai genitori che ci sono vari tipi di meningite, e di conseguenza un vaccino per ciascuna forma della malattia, è importantissimo. Non bisogna mai abbassare la guardia”.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La meningite da meningococco di tipo B colpisce soprattutto nei primi mesi di vita. Quelle da meningococco di tipo B e C e quella da meningococco di tipo Y, invece, interessano soprattutto bambini e adolescenti (oltre che adulti).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti