Nessun legame tra vaccini e autismo: lo conferma un nuovo studio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/04/2013 Aggiornato il 05/04/2013

Un messaggio rassicurante per i genitori alle prese con le vaccinazioni: una ricerca appena pubblicata dimostra che tra vaccini e autismo non c’è alcuna correlazione

Nessun legame tra vaccini e autismo: lo conferma un nuovo studio

Un nuovo studio scientifico esclude qualunque relazione tra vaccini e autismo. In particolare i ricercatori hanno dimostrato che non c’è associazione tra ricevere “troppi vaccini troppo presto” e l’autismo.

Le preoccupazioni dei genitori

Sebbene che ci siano state anche in passato ricerche scientifiche che dimostrano che tra vaccini e autismo non ci sono rapporti di causa ed effetto, quasi un terzo dei genitori è convinto del contrario e quasi un genitore su 10 rifiuta o ritarda le vaccinazioni perché dubbioso nel seguire le indicazioni dei medici. Una delle principali preoccupazioni è il numero delle vaccinazioni somministrate in un solo giorno e, cumulativamente, nei primi due anni di vita, con il timore che questo faciliti la comparsa dell’autismo.

La ricerca su più di mille bambini

Lo studio, pubblicato sul The Journal of Pediatrics, edito da Elsevier, ha analizzato i dati di 256 bambini con disturbi dello spettro autistico e 752 bambini non affetti da tali disturbi. I ricercatori hanno osservato in particolare l’esposizione cumulativa di ogni bambino agli antigeni, ovvero le sostanze contenute nei vaccini che causano la reazione del sistema immunitario del corpo per produrre anticorpi e combattere le malattie. Ebbene, si è visto che il totale degli antigeni ricevuti dai vaccini nei primi due anni e il numero massimo ricevuto in un solo giorno con un vaccino combinato era lo stesso sia nei bambini affetti da disturbi delle spettro autistico che in quelli non affetti.

Non c’è aumento del rischio di autismo

Il sistema immunitario di un bambino è in grado di rispondere a molti stimoli immunologici e, dalla nascita, i neonati sono esposti a centinaia di virus e un numero elevatissimo di antigeni al di fuori della vaccinazione. Secondo gli autori “la possibilità che la stimolazione immunologica derivante dai vaccini durante i primi uno o due anni di vita possa essere collegata allo sviluppo di disturbi dello spettro autistico non è supportata a quanto sappiamo dalla neurobiologia di questi disturbi”. 

In breve

VARI STUDI ESCLUDONO CHE I VACCINI PROVOCHINO AUTISMO

Questo studio supporta e conferma altre ricerche eseguite su una possibile relazione tra vaccini e autismo. In particolare, una revisione complessiva del 2004 eseguita dall’Istituto di Medicina della National Academy of Sciences degli Usa già allora concludeva che non c’è relazione causale tra certi tipi di vaccino e l’autismo. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti