Nuovo piano vaccinale: più vaccini per tutti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/12/2016 Aggiornato il 25/11/2019

Previste nel Nuovo piano vaccinale l'introduzione di nuove vaccinazioni gratuite e l'estensione di altre già esistenti a nuove fasce di popolazione

Nuovo piano vaccinale: più vaccini per tutti

Più vaccini per tutti grazie al nuovo piano vaccinale, che prevede l’offerta gratuita da parte del Servizio sanitario nazionale di nuovi vaccini, mentre per altri prevede l’estensione delle fasce di popolazione interessate (i cosiddetti “nuovi destinatari”). Saranno a disposizione presumibilmente dal 2017 e a introdurli sono i nuovi Lea, ovvero i Livelli essenziali di assistenza (l’insieme cioè delle cure e delle prestazioni mediche garantite gratuitamente ai cittadini).

Per i più piccoli

Per quanto riguarda i più piccoli, i vaccini offerti gratuitamente su tutto il territorio nazionale saranno quello contro la meningite (in particolare contro il ceppo B, detto anche “anti-meningococco B”), l’anti-rotavirus (causa di importanti problemi intestinali) e il vaccino contro la varicella. Come spiega Alberto Villani, vicepresidente della Società italiana di pediatria (Sip), sia l’anti-meningococco b sia l’anti-rotavirus “è molto importante farli. Però le due cose vanno distinte perché, mentre il meningococco B è un germe molto pericoloso e in grado di determinare anche la morte di chi ne viene colpito, il rotavirus soprattutto in un Paese come l’Italia è meno pericoloso. Sono però stati fatti degli studi che dimostrano come comunque anche questa vaccinazione possa evitare moltissimi ricoveri sopratutto nel primo anno di vita”. Quanto al vaccino contro la varicella, “è importante farlo perché, anche se eccezionalmente, la malattia può creare problemi piuttosto importanti”, spiega Villani.

L’attuale offerta vaccinale

Questa offerta si somma all’offerta dei vaccini gratuiti per i più piccoli già disponibile che conta il vaccino esavalente (anti-difterite, anti-tetano, anti-pertosse, anti-polio, anti-epatite b e contro l’haemophilus influentiae), il vaccino trivalente contro il morbillo, la parotite e la rosolia (Mpr) e il vaccino contro la meningite C (meningococco c).

Novità anche per gli adolescenti

È prevista l’estensione del vaccino contro il Papillomavirus umano (Hpv) anche agli adolescenti maschi (oltre che alle ragazze): “Nei maschi l’Hpv, anche se più raramente che nelle donne, provoca delle infezioni di carattere infettivologico (condilomi e altro tipo di problemi) e, anche se pur eccezionalmente, può determinare il tumore”. Per gli adolescenti sia maschi sia femmine è prevista inoltre la somministrazione del vaccino tetravalente contro la meningite (ceppi A, C, W, Y): una vaccinazione molto importante, sottolinea Villani, perché “la fascia d’età in cui le meningiti colpiscono in modo particolare è proprio quella compresa tra i 15 e i 24 anni”.

 
 
 

Lo sapevi che?

Il vaccino contro il Rotavirus si può somministrare anche per bocca.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti