Vaccinazione antimorbillo obbligatoria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 18/11/2019

Antimorbillo, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino dal virus dei Paramyxoviridae

Vaccinazione antimorbillo obbligatoria

Da quale malattia protegge

Il morbillo è una malattia esantematica tipica dell’infanzia che si distingue per la comparsa di macchioline rosse sulla pelle. Altri sintomi comuni sono febbre e raffreddore. Il virus che provoca il morbillo fa parte dei Paramyxoviridae. La malattia di per sé, dura una decina di giorni, ma il rischio è dato soprattutto dalle complicazioni che possono sopraggiungere in un secondo momento, come otite, polmonite ed encefalite.

Il vaccino

Con un’unica somministrazione, protegge il bambino da morbillo, parotite e rosolia (si parla infatti di vaccino trivalente). Viene somministrato con un’iniezione nel braccio tra i 12 e i 16 mesi con un richiamo a 5-6 anni. È composto dai tre virus resi inoffensivi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti