Vaccinazione antimorbillo obbligatoria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 18/11/2019

Antimorbillo, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino dal virus dei Paramyxoviridae

Vaccinazione antimorbillo obbligatoria

Da quale malattia protegge

Il morbillo è una malattia esantematica tipica dell’infanzia che si distingue per la comparsa di macchioline rosse sulla pelle. Altri sintomi comuni sono febbre e raffreddore. Il virus che provoca il morbillo fa parte dei Paramyxoviridae. La malattia di per sé, dura una decina di giorni, ma il rischio è dato soprattutto dalle complicazioni che possono sopraggiungere in un secondo momento, come otite, polmonite ed encefalite.

Il vaccino

Con un’unica somministrazione, protegge il bambino da morbillo, parotite e rosolia (si parla infatti di vaccino trivalente). Viene somministrato con un’iniezione nel braccio tra i 12 e i 16 mesi con un richiamo a 5-6 anni. È composto dai tre virus resi inoffensivi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di quasi 5 anni che vuole andare al nido

02/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Prima degli 11 anni di età non si può investire il bambino del potere di deciderew per sè: diversamente lo si carica di un peso che può essere psicologicamente insostenibile.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti