Rotavirus: sì al vaccino a sei settimane

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 25/11/2019 Aggiornato il 27/11/2019

Ogni anno in Italia vengono colpiti da rotavirus 400mila piccoli sotto i 5 anni.  Ecco perché  la prevenzione con la vaccinazione è fondamentale

Rotavirus: sì al vaccino a sei settimane

I Rotavirus sono la principale causa di gastroenterite acuta nei bambini. Ecco perché è importante vaccinare il neonato fin dalla prime settimane di vita,  come sostengono gli esperti di WAidid (Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici) a seguito dell’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità, secondo cui  ogni anno in Europa le gastroenteriti acute causate da questo microrganismo sono responsabili di 231 decessi, circa 90 mila ospedalizzazioni e quasi 700 mila visite mediche.

La situazione in Italia

In Italia le infezioni da Rotavirus colpiscono oltre 400mila bambini al di sotto dei 5 anni, con 320mila casi gestiti a casae 10mila ricoveri. Sono 80mila le visite mediche e 11 i decessi annuali causati da questa patologia, responsabile del 17-69% circa delle ospedalizzazioni per gastroenterite acuta, dell’84% dei ricoveri per gastroenterite virale, del 61% degli accessi in Pronto soccorso e del 33% delle visite dal pediatra o dal medico di medicina generale.

Prevenzione con la vaccinazione

Il vaccino contro il Rotavirus somministrato già dalla sesta settimana di vita del bambino è l’unico strumento efficace di prevenzione, come si evince dal nuovo Piano vaccinale, ed è raccomandato soprattutto ai prematuri ricoverati in terapia intensiva e ai neonati con patologie croniche.  Con l’approvazione dei nuovi Lea (Livelli essenziali di assistenza), questo vaccino è offerto gratuitamente in tutto il Paese.

Si prende per bocca

Il vaccino contro il Rotavirus somministrato già dalla sesta settimana di vita del bambino è somministrato per bocca. Le dosi successive (una o due, a seconda del prodotto utilizzato) vengono fatte in concomitanza con le sedute vaccinali successive, entro la 24-26 settimana di vita. Nei nati prematuri la vaccinazione va eseguita in neonatologia, se il piccolo è ancora ricoverato, nei centri vaccinali o negli ambulatori dei pediatri di famiglia.

 

 

 

 

 

 

 
 
 

In breve

FEBBRE ALTA, VOMITO E DIARREA

Come si riconosce l’infezione? Nel neonato i sintomi sono generalmente modesti. Nei bambini tra 6 e 18 mesi l’infezione ha solitamente un periodo di incubazione di circa 1-3 giorni e poi esordisce con febbre e vomito, cui fa seguito dopo 24-48 ore diarrea acquosa, con 10-20 scariche al giorno, che può continuare per 5-7 giorni, provocando una forte e pericolosa disidratazione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti