Settimana europea delle vaccinazioni, gli esperti rispondono ai dubbi dei genitori

Fino al 29 aprile la Società italiana di neonatologia e la Società italiana di pediatria aprono un filo diretto telefonico sulle vaccinazioni, contro la disinformazione

Dubbi sulle vaccinazioni? Fino al 29 aprile la Società italiana di neonatologia (Sin) e la Società italiana di pediatria (Sip) partecipano alla Settimana europea delle vaccinazioni promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità, aprendo un filo diretto telefonico con i genitori per contrastare la disinformazione sull’argomento, all’insegna dello slogan “Prevenire, Proteggere, Immunizzare”.

Info sul web e al telefono

Per rispondere alle richieste di mamma e papà e chiarire i dubbi relativi alle vaccinazioni dei loro figli, pediatri e neonatologi delle due società scientifiche saranno a disposizione in diverse modalità: nel corso della Settimana europea delle vaccinazioni il sito web e la pagina Facebook della Sip saranno dedicati al tema delle vaccinazioni.

L’importanza dei vaccini

Come spiega il presidente Sip, dottor Alberto Villani, “i vaccini sono l’unico vero strumento capace di proteggerci dalle malattie infettive che possono causare morte o danni permanenti. È assurdo che in Europa e in Italia si muoia ancora di morbillo. Nel 2017 in Europa il morbillo ha ucciso 30 persone e ne ha colpite oltre 14 mila, circa il 400% in più rispetto all’anno precedente. Nei primi 2 mesi del 2018 le persone contagiate in Italia sono già oltre 400”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

“La sicurezza del neonato dipende anche dall’immunizzazione della mamma – spiega Mauro Stronati, presidente della Sin -. In Italia, purtroppo, la percentuale di donne che si vaccinano in vista di una gravidanza è ancora troppo bassa. Secondo l’Istituto superiore di sanità una donna su tre non sa se è protetta contro la rosolia e solo il 41% delle donne ha effettuato il vaccino”.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti