Settimana europea delle vaccinazioni, gli esperti rispondono ai dubbi dei genitori

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/04/2018 Aggiornato il 26/04/2018

Fino al 29 aprile la Società italiana di neonatologia e la Società italiana di pediatria aprono un filo diretto telefonico sulle vaccinazioni, contro la disinformazione

Settimana europea delle vaccinazioni, gli esperti rispondono ai dubbi dei genitori

Dubbi sulle vaccinazioni? Fino al 29 aprile la Società italiana di neonatologia (Sin) e la Società italiana di pediatria (Sip) partecipano alla Settimana europea delle vaccinazioni promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità, aprendo un filo diretto telefonico con i genitori per contrastare la disinformazione sull’argomento, all’insegna dello slogan “Prevenire, Proteggere, Immunizzare”.

Info sul web e al telefono

Per rispondere alle richieste di mamma e papà e chiarire i dubbi relativi alle vaccinazioni dei loro figli, pediatri e neonatologi delle due società scientifiche saranno a disposizione in diverse modalità: nel corso della Settimana europea delle vaccinazioni il sito web e la pagina Facebook della Sip saranno dedicati al tema delle vaccinazioni.

L’importanza dei vaccini

Come spiega il presidente Sip, dottor Alberto Villani, “i vaccini sono l’unico vero strumento capace di proteggerci dalle malattie infettive che possono causare morte o danni permanenti. È assurdo che in Europa e in Italia si muoia ancora di morbillo. Nel 2017 in Europa il morbillo ha ucciso 30 persone e ne ha colpite oltre 14 mila, circa il 400% in più rispetto all’anno precedente. Nei primi 2 mesi del 2018 le persone contagiate in Italia sono già oltre 400”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

“La sicurezza del neonato dipende anche dall’immunizzazione della mamma – spiega Mauro Stronati, presidente della Sin -. In Italia, purtroppo, la percentuale di donne che si vaccinano in vista di una gravidanza è ancora troppo bassa. Secondo l’Istituto superiore di sanità una donna su tre non sa se è protetta contro la rosolia e solo il 41% delle donne ha effettuato il vaccino”.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti