Tetano: attenzione alle fake news

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 25/03/2019 Aggiornato il 25/03/2019

Il tetano è una malattia infettiva acuta non contagiosa, ma potenzialmente letale. Molte sono le fake news che lo circondano. Facciamo chiarezza

Tetano: attenzione alle fake news

Nel nostro Paese il tetano colpisce ogni anno almeno 50 individui. Chi la contrae finisce in terapia intensiva ed è letale nel 33% dei casi. Si tratta comunque di una malattia facilmente scongiurabile attraverso la vaccinazione antitetanica. Il problema – come spiega il direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, Gianni Rezza – è che quasi nessuno si sottopone al richiamo decennale del vaccino. Altro fatto grave è rappresentato dall’innumerevole quantità di fake news, che non fanno altro che sminuirne la pericolosità.

Disinfettare non basta

Il tetano non è contagioso, ma basta entrare in contatto con il batterio responsabile per contrarre la malattia, gravissima e potenzialmente letale. Come sottolineato da Rezza, la preoccupazione riguarda a oggi l’impressionante mole di bufale che circolano in Rete – e non solo – sul tetano. È importante chiarire fin da subito che il tetano, trattandosi di una malattia derivata da batteri presenti nell’ambiente, non può essere debellato. È fondamentale inoltre ricordarsi che quando ci si ferisce con qualcosa di arrugginito, disinfettare la lesione non basta. I batteri del tetano sono, infatti, molto resistenti ed è fondamentale sottoporsi all’antitetanica.

Un rischio non eliminabile

Un’ulteriore bufala è quella che individua negli anziani i soli soggetti a rischio. Oggi la vaccinazione per i nuovi nati riduce certamente l’incidenza. Detto ciò – chiarisce Rezza – non sono poi così rari i casi di contagio nei più piccoli. Proprio perché siamo al cospetto di una malattia che si contrae entrando in contatto con oggetti contaminati, è ovvio che l’immunità di gregge al tetano non è ipotizzabile. Anche con il 99% della popolazione vaccinata, avremmo un 1% a rischio contagio.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’unico modo per scongiurare realmente la possibilità di contrarre il tetano è quello di sottoporsi alla vaccinazione antitetanica.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti