Tetano: attenzione alle fake news

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 25/03/2019 Aggiornato il 25/03/2019

Il tetano è una malattia infettiva acuta non contagiosa, ma potenzialmente letale. Molte sono le fake news che lo circondano. Facciamo chiarezza

Tetano: attenzione alle fake news

Nel nostro Paese il tetano colpisce ogni anno almeno 50 individui. Chi la contrae finisce in terapia intensiva ed è letale nel 33% dei casi. Si tratta comunque di una malattia facilmente scongiurabile attraverso la vaccinazione antitetanica. Il problema – come spiega il direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, Gianni Rezza – è che quasi nessuno si sottopone al richiamo decennale del vaccino. Altro fatto grave è rappresentato dall’innumerevole quantità di fake news, che non fanno altro che sminuirne la pericolosità.

Disinfettare non basta

Il tetano non è contagioso, ma basta entrare in contatto con il batterio responsabile per contrarre la malattia, gravissima e potenzialmente letale. Come sottolineato da Rezza, la preoccupazione riguarda a oggi l’impressionante mole di bufale che circolano in Rete – e non solo – sul tetano. È importante chiarire fin da subito che il tetano, trattandosi di una malattia derivata da batteri presenti nell’ambiente, non può essere debellato. È fondamentale inoltre ricordarsi che quando ci si ferisce con qualcosa di arrugginito, disinfettare la lesione non basta. I batteri del tetano sono, infatti, molto resistenti ed è fondamentale sottoporsi all’antitetanica.

Un rischio non eliminabile

Un’ulteriore bufala è quella che individua negli anziani i soli soggetti a rischio. Oggi la vaccinazione per i nuovi nati riduce certamente l’incidenza. Detto ciò – chiarisce Rezza – non sono poi così rari i casi di contagio nei più piccoli. Proprio perché siamo al cospetto di una malattia che si contrae entrando in contatto con oggetti contaminati, è ovvio che l’immunità di gregge al tetano non è ipotizzabile. Anche con il 99% della popolazione vaccinata, avremmo un 1% a rischio contagio.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’unico modo per scongiurare realmente la possibilità di contrarre il tetano è quello di sottoporsi alla vaccinazione antitetanica.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti