Vaccinazione antiepatite B obbligatoria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 09/01/2018

Antiepatite B, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino dal virus che può colpire il fegato

Vaccinazione antiepatite B obbligatoria

Da quale malattia protegge

L’epatite B è provocata da un virus che colpisce il fegato. I sintomi possono essere anche del tutto assenti. Nel 10% dei casi l’epatite B può diventare cronica e predisporre ad altre malattie molto serie.

Il vaccino

La vaccinazione si somministra tramite un’iniezione a 3, 5 e tra 11 e 12 mesi. Nei neonati di madre infetta, si somministrano quattro dosi: alla nascita, a 1, a 2 mesi e tra 11 e 12 mesi. Il vaccino, che può essere sia monovalente sia combinato con altri vaccini, è costituito da alcuni frammenti di virus. Nel caso di vaccino combinato nel bivalente, si intende la somministrazione del vaccino anti epatite di tipo A e di tipo B.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti