Vaccinazione antiepatite B obbligatoria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 09/01/2018

Antiepatite B, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino dal virus che può colpire il fegato

Vaccinazione antiepatite B obbligatoria

Da quale malattia protegge

L’epatite B è provocata da un virus che colpisce il fegato. I sintomi possono essere anche del tutto assenti. Nel 10% dei casi l’epatite B può diventare cronica e predisporre ad altre malattie molto serie.

Il vaccino

La vaccinazione si somministra tramite un’iniezione a 3, 5 e tra 11 e 12 mesi. Nei neonati di madre infetta, si somministrano quattro dosi: alla nascita, a 1, a 2 mesi e tra 11 e 12 mesi. Il vaccino, che può essere sia monovalente sia combinato con altri vaccini, è costituito da alcuni frammenti di virus. Nel caso di vaccino combinato nel bivalente, si intende la somministrazione del vaccino anti epatite di tipo A e di tipo B.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti