Vaccinazione antitetanica obbligatoria

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/01/2015 Aggiornato il 09/01/2018

Antitetanica, vaccinazione obbligatoria per proteggere il tuo bambino dalla malattia che può colpire l'apparato respiratorio

Vaccinazione antitetanica obbligatoria

Da quale malattia protegge

Il tetano è una malattia infettiva che colpisce per lo più l’apparato respiratorio. È provocata dalle spore del batterio Clostridium Tetani presenti nel terreno. I sintomi del tetano sono spasmi e rigidità muscolare. Proprio grazie alla vaccinazione, oggi il tetano è una malattia davvero molto rara nel Paesi occidentali.

Il vaccino

Anche il vaccino dell’anti-tetanica è disponibile in due formule: monovalente e combinato. Il vaccino contiene le tossine del germe che causa la malattia. La somministrazione con un’iniezione intramuscolare è prevista a 3, 5 e tra 11 e 12 mesi. Sono poi previsti due richiami: a 6 anni e a 14 anni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti