Vaccinazioni: in aumento i genitori che vi rinunciano per i figli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/08/2014 Aggiornato il 26/11/2019

Secondo gli esperti, i genitori che decidono di non sottoporre i figli alle vaccinazioni consigliate nell’infanzia sono sempre più numerosi. Ecco perché

Vaccinazioni: in aumento i genitori che vi rinunciano per i figli

Sono considerate una delle più importanti scoperte scientifiche nella storia della medicina. Eppure, ancora oggi attorno alle vaccinazioni esistono alcuni dubbi e perplessità. Tutta colpa della cattiva informazione. Il risultato è che sono in aumento i genitori che decidono di rinunciare a questa importante forma di prevenzione.

Un calo costante

Da qualche tempo, la copertura vaccinale è in costante calo: ogni anno si assiste a una diminuzione dell’1% circa dei bambini sottoposti a questa misura preventiva. Per quanto riguarda le vaccinazioni contro morbillo e rosolia si registrano anche picchi del -25%.

Colpa della cattiva informazione

Le ragioni di questo fenomeno sono essenzialmente due. Innanzitutto, giocano un ruolo importante le campagne contro questi farmaci. Occorre sapere, infatti, che esiste un fronte abbastanza nutrito di detrattori, secondo cui i vaccini sono molto più pericolosi delle malattie che si prefiggono di prevenire, per esempio potrebbero aumentare il rischio di autismo. In secondo luogo, bisogna considerare che visto che le malattie verso cui le vaccinazioni offrono l’immunità sono debellate o sensibilmente ridotte, la percezione della loro importanza è diminuita. In pratica, oggi molti genitori si chiedono perché devono proteggere i figli da infezioni “dimenticate”, che sembrano scomparse in Italia.

Si rischiano nuove epidemie

In realtà, smettendo di usare questi strumenti, le patologie che ora sono in netta diminuzione tornerebbero a contagiare un gran numero di soggetti. Anche quelle apparentemente estinte. Occorre considerare, infatti, che nel mondo esistono diversi focolai: con l’immigrazione, la globalizzazione e il turismo, una malattia – come la tbc – può essere reintrodotta anche in aree dove era assente da tempo. “Molte malattie oggi non fanno più paura, proprio perché sono state sconfitte grazie a vaccinazioni di massa. Per questo, sulle vaccinazioni non possiamo abbassare la guardia né in Italia né in Europa” ha spiegato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

In breve

A TUTTE LE ETA’

La maggior parte delle vaccinazioni è destinata ai bimbi piccoli, anche se in realtà chi non è stato vaccinato in età infantile può sempre “recuperare”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di quasi 5 anni che vuole andare al nido

02/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Prima degli 11 anni di età non si può investire il bambino del potere di deciderew per sè: diversamente lo si carica di un peso che può essere psicologicamente insostenibile.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti